Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2010 March;52(1) > Minerva Oftalmologica 2010 March;52(1):45-53

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Oftalmologica 2010 March;52(1):45-53

lingua: Inglese

Trattamento del distacco di retina con foro maculare nel miope elevato

Ratiglia R., Viola F., Canton V., Giannelli M.

Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico, Dipartimento di Oftalmologia, Milano, Italia


PDF  


Il distacco retinico associato con foro maculare ha un incidenza dello 0,5% di tutti i distacchi retinici e si verifica maggiormente in occhi miopi elevati. In letteratura sono state descritte diverse tecniche chirurgiche per il trattamento dell’MHRD, tra cui le più utilizzate sono la vitrectomia via pars plana e il piombaggio maculare. Con l’utilizzo del piombaggio maculare si ottiene il 90% di successo anatomico, ma per le difficoltà tecniche viene eseguito solo da pochi chirurghi. Studi comparativi tra piombaggio maculare e vitrectomia non associata a peeling depongono a favore della prima tecnica; si ottengono invece risultati chirurgici analoghi se si confrontano i casi operati di piombaggio maculare con quelli operati di vitrectomia associata a peeling della MLI. I tamponanti oculari utilizzati possono essere gas (aria, SF6, C2F6 e C3F8 ) o olio di silicone, ma fino ad ora nessuno di questi si è dimostrato superiore rispetto agli altri. Anche se alcuni studi pilota hanno dimostrato un tasso di successo più basso con l’utilizzo di gas rispetto a quello del PDMS, quest’ultimo può causare gravi effetti collaterali e deve essere rimosso con un secondo intervento. Le recidive di MHRD sono spesso trattate con vitrectomia e tamponamento con PDMS o piombaggio maculare. Anche in caso di successo chirurgico con riaccollamento retinico e completa chiusura del foro maculare, sfortunatamente, il visus di questi pazienti rimane molto deludente.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail