Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2010 March;52(1) > Minerva Oftalmologica 2010 March;52(1):1-15

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Oftalmologica 2010 March;52(1):1-15

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Gestione clinica della retinite pigmentosa: update

Parmeggiani F. 1, Chizzolini M. 2, De Nadai K. 2, Costagliola C. 3, Semeraro F. 4, Sebastiani A. 1

1 Clinica Oculistica, Università degli Studi di Ferrara, Ferrara, Italia
2 Centro di Riferimento per la Retinite Pigmentosa della Regione Veneto. Unità Operativa Autonoma di Oculistica, Ospedale di Camposampiero, Azienda ULSS 15 Alta Padovana, Padova, Italia
3 Dipartimento di Scienze della Salute, Università degli Studi del Molise
Campobasso, Italia
4 Clinica Oculistica, Università degli Studi di Brescia, Brescia, Italia


PDF  


Il termine retinite pigmentosa (RP) indica un gruppo eterogeneo di malattie genetiche dell’occhio nelle quali i bastoncelli o i coni sono i fotorecettori prevalentemente danneggiati. Nelle popolazioni Caucasiche, la prevalenza delle RP è riportata essere variabile: 1 caso per ogni 3000-5000 individui. Le RP sono delle distrofie tapeto-retiniche progressive che sono spesso correlate a capacità visive gravemente limitate. Nel corso di RP tipica (distrofia di tipo rod-cone), le persone affette riportano come primo sintomo un deficit nell’adattamento al buio o la nictalopia (cecità notturna), seguito da una riduzione del campo visivo periferico e, alcune volte, da una perdita della visione centrale specie nelle fasi tardive della malattia. Dall’altra parte, durante la forma atipica di RP (distrofia di tipo cone-rod), le funzioni dei coni sono più rapidamente alterate rispetto a quelle dei bastoncelli. In alcuni casi, le persone con RP non arrivano ad essere colpiti da cecità legale se non quando hanno 40 o 50 anni e/o mantengono un certo livello di vista per tutta la loro vita. Altre malati diventano invece completamente ciechi a causa della RP talvolta precocemente o in età scolastica. La diagnosi di RP è effettuata mediante la documentazione di una progressiva perdita della funzione fotorecettoriale mediante esami elettroretinografici e/o campimetrici. Attualmente non esiste alcun trattamento che può effettivamente curare la RP. Tuttavia, in alcune serie di pazienti, la progressione della malattia è stata rallentata mediante la somministrazione di vitamina A palmitato o mediante l’ossigeno-terapia iperbarica. Inoltre, nella stragrande maggioranza dei pazienti con RP, la qualità della visione può essere significativamente aumentata mediante l’utilizzo di lenti filtranti a nanometri controllati. Le future applicazioni cliniche degli attuali trattamenti sperimentali comprenderanno verosimilmente sistemi nanotecnologici intra-vitreali per il rilascio continuativo di sostanze neuro-trofiche, terapie geniche, impianti retinici per la visione artificiale e cellule staminali.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail