Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2007 September;49(3) > Minerva Oftalmologica 2007 September;49(3):123-6

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Oftalmologica 2007 September;49(3):123-6

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Il discomfort oculare nella menopausa

Minniti D., Candela V.

Dipartimento delle Specialità Chirurgiche Sezione di Oftalmologia, Policlinico “G. Martino” Università degli Studi di Messina, Messina


PDF  


Durante il periodo postmenopausale la superficie oculare subisce delle modificazioni dovute alle variazioni del turnover estrogenico, con conseguente ipolacrimia o dislacrimia, cioè un difetto della componente acquosa delle lacrime o alterazioni quantitative e qualitative delle altre componenti lacrimali. Si verifica una perdita di elasticità delle fibre con assottigliamento e degenerazione degli epiteli congiuntivale e corneale; si possono inoltre evidenziare sbocchi ghiandolari parzialmente occlusi con fine secrezione schiumosa. Sono stati messi a punto diversi questionari al fine di valutare la severità della patologia in relazione alla qualità della vita delle pazienti. Fra i più importanti si ricordano l’NEI VFQ-25 e l’OSDI che danno la misura della qualità della vita correlata alla qualità della visione e valutano anche i sintomi riguardanti il grado di compromissione della superficie oculare. Pareri discordanti, si hanno, tra l’effetto positivo e negativo della terapia ormonale sostitutiva sulla superficie oculare. Da una parte si sostiene che gli estrogeni una volta somministrati migliorino la sintomatologia da discomfort oculare, dall’altra, invece, sarebbero i maggiori responsabili che a lungo termine porterebbero alla sintomatologia dell’occhio secco. A tal proposito abbiamo voluto riportare alcuni studi che hanno valutato l’importanza e l’efficacia della terapia ormonale sostitutiva, riguardante il cambiamento morfologico dell’epitelio congiuntivale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail