Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2006 Settembre-Dicembre;48(3/4) > Minerva Oftalmologica 2006 Settembre-Dicembre;48(3/4):83-93

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia

 

Minerva Oftalmologica 2006 Settembre-Dicembre;48(3/4):83-93

 REVIEW

Cheratoplastica lamellare

Caporossi A., Balestrazzi A., Traversi C., Mazzotta C., Caporossi O.

Dipartimento di Scienze Oftalmologiche e Neurochirurgie Università di Siena, Siena

La chirurgia corneale lamellare è stata concepita nei primi anni del ventesimo secolo. Nonostante l’intuizione relativa alla diminuzione della possibilità di rigetto del trapianto, questa tecnica è stata considerata responsabile di risultati visivi non buoni se paragonata alla cheratoplastica penetrante, a causa delle tecniche e della strumentazione inadeguate. Negli anni ’80, lo sviluppo di tecniche chirurgiche rifrattive ha nuovamente attirato l’attenzione su questo tipo di chirurgia ed ha permesso l’ideazione della cheratoplastica lamellare profonda (DLK, da deep lamellar keratoplasty).Negli ultimi anni una nuova tecnica lamellare, la Cheratoplastica lamellare endoteliale posteriore, è stata sviluppata per correggere le patologie endoteliali quali la cheropatia bollosa. In questo articolo descriveremo alcune delle tecniche lamellari anteriori e posteriori più importanti.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina