Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2005 Giugno;47(2) > Minerva Oftalmologica 2005 Giugno;47(2):75-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Oftalmologica 2005 Giugno;47(2):75-92

lingua: Inglese

Diabetic eye disease

Leese G. P., Ellis J. D.


PDF  


La prevalenza del diabete sta aumentando drammaticamente e attualmente nei Paesi Occidentali è attorno al 3-8%. La prevalenza è strettamente correlata all'obesità e all'etnia, ma si prevede che essa raddoppierà ogni 8-10 anni. Per la retinopatia diabetica sono stati identificati diversi fattori di rischio, ma per quanto riguarda il miglioramento del suo decorso solo il controllo della glicemia e della pressione arteriosa si sono dimostrati importanti. Lo screening è importante, dal momento che la retinopatia diabetica è asintomatica negli stadi dove il trattamento è più efficace. Viene presa in considerazione l'importanza relativa dei diversi strumenti utilizzati per lo screening, quali gli oftalmoscopi, le lampade a fessura e i filmati retinici. Per quanto riguarda le fotografie retiniche, vengono discussi gli aspetti legati all'utilizzo di gocce oculari, della fotografia a campo multiplo e dell'immagine digitale compressa. Vengono presentati i dati più recenti sugli intervalli di screening, con la possibilità in alcuni pazienti di eseguirli ogni due anni. Il trattamento con il laser è ormai ben validato, ma vengono descritti anche nuovi possibili trattamenti quali la somministrazione di steroidi a livello oculare e degli inibitori della protein-chinasi C.
Sebbene molti progressi siano stati fatti nella gestione della retinopatia diabetica, vi sono ancora molti nuovi ed eccitanti sviluppi, che non solo potrebbero aiutare ad evitare la cecità, ma anche migliorare gli aspetti visivi e ridurre la parziale perdita della vista.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail