Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2004 Marzo;46(1) > Minerva Oftalmologica 2004 Marzo;46(1):77-92

ULTIMO FASCICOLOMINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Oftalmologica 2004 Marzo;46(1):77-92

lingua: Inglese, Italiano

Decentramenti dopo chirurgia rifrattiva con laser a eccimeri: aspetti clinici, topografici, aberrometrici e tecniche di correzione

Mastropasqua L., Toto L., Nubile M., Zuppardi E.


PDF  ESTRATTI


Il decentramento rappresenta una rara complicanza delle fotoablazioni cheratorefrattive che può indurre riduzione dell'acuità visiva, aloni, glare, diplopia monoculare, riduzione della sensibilità al contrasto e astigmatismo irregolare. Il decadimento della performance visiva associato a un'ablazione eccentrica è verosimilmente legato a un'induzione di aberrazioni di elevato ordine e particolarmente aberrazioni coma-like di terz'ordine generate dall'asimmetria della superficie corneale a livello della pupilla. Diversi fattori possono causare un'ablazione decentrata e tra questi i più comuni sono rappresentati da un'errata marcatura del centro del trattamento da parte del chirurgo o da movimenti intraoperatori dell'occhio che non vengono compensati dall'eye tracker.
La topografia corneale e l'aberrometria oculare rappresentano 2 valide metodiche per la diagnosi di decentramento sulle quali si basano i diversi approcci chirurgici di correzione quali incisioni corneali astigmatiche, ablazioni diametrali, e le recenti tecniche customizzate di ablazione a guida topografica o aberrometrica.

inizio pagina