Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2002 Marzo;44(1) > Minerva Oftalmologica 2002 Marzo;44(1):31-8

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

  LENTI A CONTATTO


Minerva Oftalmologica 2002 Marzo;44(1):31-8

lingua: Inglese

The effect of contact lens wear on corneal sensation

Ntola A. M., Murphy P. J.


PDF  


Le fibre nervose corneali svolgono un ruolo importante nei meccanismi di protezione e di omeostasi della cornea e nell'epitelio corneale si osserva il maggior numero di fibre nervose libere dell'intero organismo. Le lenti a contatto vengono utilizzate sempre più spesso per correggere difetti di rifrazione o ai fini cosmetici. Di conseguenza, è importante studiare i rapporti fra uso delle lenti a contatto e innervazione corneale. Le indagini finora condotte hanno rilevato che l'impiego di lenti a contatto è in grado di causare una riduzione della sensibilità corneale di entità correlata al tipo e al materiale di costruzione delle lenti nonché alla frequenza e durata del loro impiego. Nel complesso, aumentando il periodo di tempo in cui le lenti vengono usate, sia in termini di giorni che di mesi, aumenta la perdita della sensibilità. Protraendo l'uso delle lenti, inoltre, si eleva il tempo necessario per riacquistare la sensibilità corneale originaria una volta sospeso l'uso delle lenti stesse. I materiali di costruzione di recente introduzione, caratterizzati da una maggiore permeabilità all'ossigeno, esercitano minori effetti sulla cornea. I sue meccanismi patogenetici principali alla base dell'alterazione della sensibilità corneale sono costituiti dall'irritazione meccanica da parte delle lenti e dell'interferenza con le funzioni metaboliche della cornea, secondarie al ridotto apporto di ossigeno. La ridotta funzione metabolica porta a un aumento dell'acidosi e a un'alterazione del pH corneale in conseguenza dell'ipercapnia. Entrambi questi fattori possono alterare la funzione delle fibre nervose e quindi ridurre la sensibilità corneale.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail