Home > Riviste > Minerva Oftalmologica > Fascicoli precedenti > Minerva Oftalmologica 2002 Marzo;44(1) > Minerva Oftalmologica 2002 Marzo;44(1):23-30

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA OFTALMOLOGICA

Rivista di Oftalmologia


eTOC

 

  LENTI A CONTATTO


Minerva Oftalmologica 2002 Marzo;44(1):23-30

lingua: Inglese

Corneal swelling and risk of keratopathy in contact lens wear

Graham A. D.


PDF  


Il rischio di complicazioni secondarie all'uso delle lenti a contatto può essere stimato in modi diversi, sia qualitativi che quantitativi. Indagini cliniche condotte sul lungo periodo e su ampie serie di individui forniscono le valutazioni più precise di tale rischio in quanto tengono conto di differenti classi di complicazioni, osservate in un numero elevato di soggetti e riferite alle caratteristiche costruttive delle lenti. Come possibile alternativa sul piano pratico, si potrebbe ricorrere a un metodo di valutazione più semplice, di tipo clinico o laboratoristico, al fine di predire il rischio di complicazioni. L'edema corneale possiede alcune delle qualità richieste per costituire un indice predittivo affidabile di cheratopatia ed è stato accettato come tale da molti clinici e ricercatori. Esistono numerose prove indirette a favore di questo ruolo; tuttavia, non è stata determinata la misura in cui l'edema corneale secondario all'uso delle lenti a contatto può riuscire utile quale indice predittivo del rischio di cheratopatia. Osservazioni recenti suggeriscono alcuni possibili indici quantitativi, che potrebbero contribuire a migliorare la valutazione del rischio. Poiché nel mondo vi sono attualmente milioni di individui che utilizzano lenti a contatto per periodi di tempo prolungati o a permanenza, è importante individuare un mezzo preciso e affidabile per predire il rischio connesso all'uso delle lenti stesse.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail