Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2016 Dicembre;136(3-4) > Minerva Medicolegale 2016 Dicembre;136(3-4):57-68

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4849

Online ISSN 1827-1677

 

Minerva Medicolegale 2016 Dicembre;136(3-4):57-68

 SPECIAL ARTICLES

Telemedicina: etica, informazione e responsabilità professionale

Giovanni LIGUORI 1, Raffaele ZINNO 1, Maria A. ZINNO 2, Carlalberto LEONE 1, Enzo CHILELLI 3, Angelo ROSSI MORI 3, Margherita NERI 1, 4, Natascha PASCALE 1, 4

1 SISMLA (Sindacato Italiano Specialisti in Medicina Legale e delle Assicurazioni), Quarto, Napoli, Italy; 2 Sezione Medicina Legale Università degli studi di Napoli “Federico II”, Napoli, Italy; 3 Federsanità-ANCI, Roma, Italy; 4 Sezione Dipartimentale di Medicina Legale, Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale, Università degli Studi di Foggia, Ospedale “Colonnello D’Avanzo”, Foggia, Italy

La telemedicina — come definita nel Documento del Comitato Economico e Sociale Europeo del 23.12.2009 in riferimento alla Comunicazione COM (2008)689 della Commissione Europea (Telemedicina a beneficio dei pazienti, dei sistemi sanitari e della società) — è la prestazione di servizi di assistenza sanitaria, tramite il ricorso alle TIC, in situazioni in cui il professionista della salute e il paziente (o due professionisti) non si trovano nella stessa località. Essa comporta la trasmissione sicura di informazioni e dati di carattere medico grazie a testi, suoni, immagini o altre forme necessarie per la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il successivo controllo dei pazienti. La telemedicina rappresenta un’inaspettata “rivoluzione culturale”, può contribuire a migliorare la vita dei cittadini europei, sia pazienti che professionisti della salute, affrontando allo stesso tempo le sfide che si pongono ai sistemi di assistenza sanitaria. Lo sviluppo di strumenti per la telemedicina offre l’opportunità di trovare nuove proposte a problemi tradizionali della medicina e migliorare la fruizione del Servizio Sanitario Nazionale. Essa nasce per seguenti finalità sanitarie: prevenzione secondaria, diagnosi, cura, riabilitazione, monitoraggio. È oramai opinione comune che la telemedicina non sostituisce la prestazione sanitaria tradizionale nel rapporto personale medico-paziente, ma la integra per potenzialmente migliorare efficacia, efficienza e appropriatezza ottemperando, comunque, a tutti i diritti e obblighi propri di un qualsiasi atto sanitario con particolare cura della formazione e della informazione (Appendice I).

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina