Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2014 Dicembre;134(4) > Minerva Medicolegale 2014 Dicembre;134(4):201-16

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4849

Online ISSN 1827-1677

 

Minerva Medicolegale 2014 Dicembre;134(4):201-16

 REVIEW

Il referto medico

Macrì P. G.

Az. Usl 8, Arezzo, Italy

Il referto, come la denuncia, è una notizia di reato espressamente disciplinata dalla legge, ma si caratterizza per essere rivolto ai soli esercenti una professione sanitaria. La necessità di conciliare esigenze opposte, quali la tutela del diritto alla salute e l’accertamento dei reati, ha indotto il legislatore a prevedere una deroga all’obbligatorietà del referto, di cui all’art. 365 c.p., nei casi in cui questo esporrebbe la persona assistita all’eventualità di un procedimento penale. Tuttavia il problema riemerge nel caso in cui il medico rivesta anche la qualifica di pubblico ufficiale, essendo egli tenuto all’obbligo di denuncia di cui all’art. 361 c.p. Di conseguenza pare auspicabile un’interpretazione ampia dell’art. 365 c.p. che non si limiti ai soli professionisti privati. La recente introduzione del reato di immigrazione clandestina ha reso ancora più pressante la problematica.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina