Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2014 Marzo;134(1) > Minerva Medicolegale 2014 Marzo;134(1):53-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

  PREVEDERE PER PREVENIRE PER INTERVENIRE: NUOVE VOCI PER LA MEDICINA LEGALE PIEMONTESE
(Parte II)


Minerva Medicolegale 2014 Marzo;134(1):53-60

lingua: Italiano

La tutela penale del consenso al trattamento medico-chirurgico

Ruggiero G.

Dipartimento di Giurisprudenza, Università degli Studi di Torino, Torino, Italia


PDF  


Il consenso al trattamento medico-chirurgico, anche a seguito dell’entrata in vigore della Convenzione di Oviedo, rappresenta lo spartiacque fra la liceità e l’illiceità del trattamento sanitario. A tal riguardo si registrano delle incertezze giurisprudenziali, sia riguardo alla considerazione del consenso come presupposto del reato o come causa di giustificazione, sia a proposito delle fattispecie penali applicabili. Ne deriva una preoccupante oscillazioni fra sentenze di condanna molto severe e provvedimenti che lasciano scoperte delle zone d’intervento penale meritevoli invece di tutela incisiva. La considerazione del consenso al trattamento medico chirurgico come causa di giustificazione consente di ridimensionare la complessa problematica entro i suoi limiti e, applicando i principi generali, di giungere a delle affermazioni in punto di diritto uniformi e più eque.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail