Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2013 Giugno;133(2) > Minerva Medicolegale 2013 Giugno;133(2):79-83

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale

 

Minerva Medicolegale 2013 Giugno;133(2):79-83

 ARTICOLI ORIGINALI

Recupero e identificazione del DNA da elementi scheletrici risalenti alla seconda guerra mondiale

Fabbri M., Venturi M., Ferronato C., Tarantino S., Gaudio R. M., Avato F. M.

Laboratory of Forensic Genetics Section of Legal Medicine Department of Medical Sciences University of Ferrara, Ferrara, Italy

Obiettivo. Il presente studio ha coinvolto l’estrazione, l’amplificazione PCR, e la relativa definizione del profilo genetico di 5 elementi scheletrici, risalenti alla seconda guerra mondiale e consegnati al laboratorio da due associazioni di vittime della seconda guerra mondiale che operano all’interno della provincia di Ferrara.
Metodi. Le superfici ossee sono state ripulite da residui di tessuto molle, sciacquate in acqua distillata sterile, asciugate e trattate con luce UV. Sono stati prelevati frammenti di 2x5cm da ciascuna epifisi e la superficie del prelievo sono state rimosse (almeno 2-3 mm di profondità) al fine di eliminare eventuale DNA esogeno. I pellet ossei sono stati digeriti in 7 ml di tampone di digestione contenente 0,02 M Tris (pH 8,0), 0,1 M NaCl, 0,05 M EDTA (pH 7,5), 0.6M DTT e 200μL di proteinasi K (18mg/ml). Le provette sono state poste a -20 ° C per 24 ore. Successivamente, è stata effettuata una purificazione tramite una miscela di alcol fenolo-cloroformio-isoamilico (25:24:1). Nella fase finale, i DNA estratti sono stati concentrati utilizzando Centricon YM-100.
Risultati. L’analisi condotta presso il nostro laboratorio ha permesso di verificare l’assenza di contaminazioni da DNA esogeno, sia a carico dei resti umani utilizzati per le analisi, sia all’interno delle soluzioni utilizzate per l’estrazione e l’amplificazione del DNA. L’analisi dei profili genetici ha permesso di ottenere n. 5 profili genetici parziali (6-9 marcatori STR), riferibili a cinque individui distinti e di sesso maschile estranei.
Conclusioni. Questi primi risultati conseguiti potrebbero essere utilizzati al fine di poter creare un protocollo analitico interno al laboratorio per l’ulteriore identificazione del DNA di resti umani di riferibili alla seconda guerra mondiale che, purtroppo, spesso vengono rinvenuti nella nostra regione.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina