Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2010 Luglio-Dicembre;130(3-4) > Minerva Medicolegale 2010 Luglio-Dicembre;130(3-4):133-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medicolegale 2010 Luglio-Dicembre;130(3-4):133-7

lingua: Inglese

Analisi di tre marcatori miniSTR in un campione di popolazione italiana

Fabbri M., Venturi M., Ferronato C., Daniele M., Gaudio R. M., Avato F. M.

Unit of Legal Medicine, Department of Biomedics and Advanced Therapies, University of Ferrara, Ferrara, Italy


PDF  


Obiettivo. Scopo di questo studio era la valutazione analitica e statistica di marcatori miniSTR (D10S1248, D14S1434 e D22S1045) in un campione di popolazione ferrarese (110 individui non correlati).
Metodi. Il DNA è stato estratto utilizzando il kit QIAamp DNA Mini Kit (Qiagen). La reazione di PCR è stata condotta in un ciclatore GeneAmp PCR System 2400 (Applied Biosystems), utilizzando primers, volumi di reazione e condizioni amplificative proposte in letteratura. L’elettroforesi è avvenuta mediante sequenziatore ABI PRISM 377 Genetic Analyzer (Applied Biosystems). La tipizzazione è stata determinata applicando un ladder allelico ed utilizzando controlli positivi in accordo alle raccomandazioni dell’International Society of Forensic Genetics. La nomenclatura è stata aggiornata come segnalato dal National Institute of Standardization and Technology (NIST). I parametri statistici valutati (HEZ, PD, PIC, PE, TPI) sono stati calcolati utilizzando il software PowerStatsV1.2 (Promega).
Risultati. Le frequenze genotipiche non hanno rivelato deviazioni significative dall’equilibrio di Hardy-Weinberg. I valori di PD oscillavano tra 0,854 (D14S1434) e 0,907 (D10S1248), mentre quelli relativi al PIC tra 0,650 (D14S1434) e 0,720 (D10S1248). L’analisi statistica ha rivelato che il marcatore più informativo è rappresentato dal D10S1248, mostrando i valori più elevati, al contrario il meno informativo dal D14S1434 sebbene un valore di eterozigosità del 70%.
Conclusioni. L’analisi statistica ha mostrato l’applicabilità forense dei marcatori, particolarmente dei loci D10S1248 e D22S1045, come evidenziato dai valori del PIC. Tali marcatori rappresentano un set alternativo ad uso identificativo, particolarmente quando il DNA si presenta come degradato offrono una valida alternativa a marcatori meno informativi (SNPs) e di più complessa interpretazione (DNA mitocondriale).

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail