Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2009 December;129(4) > Minerva Medicolegale 2009 December;129(4):177-82

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medicolegale 2009 December;129(4):177-82

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Test immunoenzimatico in fase omogenea per il dosaggio dell’etilglucuronide nelle urine

Bianchi V. 1, Piccinini S. 1, Raspagni A. 1, Arfini C. 2

1 Laboratorio di Tossicologia, Alessandria, Italia 2 Dipartimento di Patologia Clinica, Azienda Ospedaliera SS Antonio e Biagio e C Arrigo, Alessandria, Italia


PDF  


Obiettivo. L’etil glucuronide (EtG) è un metabolita minore dell’alcol, prodotto dall’uridina difosfato-glucuronosiltransferasi, un enzima caratterizzato da un polimorfismo genetico. EtG è un biomarcatore diretto dei assunzione alcolica, specifico e sensibile, è presente in tutti i materiali biologici, ma normalmente viene misurato nelle urine. Il metodo di riferimento per il dosaggio dell’EtG è la cromatografia liquida accoppiata alla spettrometria di massa, ma recentemente è stato introdotto un metodo immunoenzimatico in fase omogenea basato sull’utilizzo di un anticorpo monoclonale che può essere applicato su numerosi strumenti automatizzati. In questo lavoro viene valutato il kit commerciale su uno strumento automatico aperto.
Metodi. È stato usato ADVIA 2400 (Siemens Healthcare Diagnostics ), reagenti, controlli e calibratori DRI Ethyl Glucuronide Enzyme Immunoassay (Microgenics) e un altri controlli prodotti da Medichem. Un pool di urine è stato preparato da 10 pazienti di sesso maschile e da 10 di sesso femminile, tutti pazienti ambulatoriali.
Risultati. Il nuovo metodo immunmoenzimatico in fase omogenea ha mostrato buone caratteristiche come il limite di detenzione e di quantificazione, linearità, imprecisione, recupero e stabilità dei reattivi a bordo strumento.
Conclusioni. Quando vengono analizzate le urine, l’assorbanza iniziale del campione è elevata si è introdotta la misura dell’assorbanza dopo l’aggiunta del campione al reattivo e l’azzeramento di questo valore. A causa dell’elevata sensibilità dell’EtG è importante la definizione di corretti cut off condivisi per la identificazione delle persone con differente assunzione di alcol.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail