Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2009 August;129(3) > Minerva Medicolegale 2009 September;129(3):165-75

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2009 September;129(3):165-75

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Trattamento psicologico del reo

Ross T., Fontao M. I., Hoffmann K., Kluttig T., Pfäfflin F.

Centre of Phychiatry, Reichenau University Hospital, Ulm, Germany


PDF  


Questo articolo presenta un quadro generale dei più comuni approcci psicologici attualmente utilizzati per il trattamento del reo. In seguito alla dimostrazione dell’efficacia di programmi “manualizzati” per la terapia di gruppo nel ridurre la recidiva, questi programmi di trattamento hanno prevalso nella recente letteratura. Gli autori ne descrivono nel dettaglio due dei più importanti, ossia il programma di ragionamento e di riabilitazione e il programma di trattamento del “sex offender”. Essi rappresentano gli unici approcci al trattamento del reo nella pratica attuale. Negli anni recenti, i regimi di trattamento dapprima sviluppati per il trattamento psicoterapeutico della popolazione psichiatrica ricoverata in struttura e di quella ambulatoriale sono stati estesi per venire incontro alle necessità delle popolazioni dei rei e dei loro terapisti, ad esempio la psicoterapia focalizzata sul transfert, la dialectical behavioral therapy o il trattamento basato sulla mentalizzazione. Con riferimento ad alcuni principi generali del trattamento efficace del reo, gli autori discutono le possibilità di migliorare gli effetti del trattamento e il mantenimento dopo il rilascio dalla prigione o la fine del trattamento presso il reparto di psichiatria forense.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail