Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2009 Marzo;129(1) > Minerva Medicolegale 2009 Marzo;129(1):47-60

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2009 Marzo;129(1):47-60

lingua: Inglese

L’accuratezza della “ricostruzione” facciale: una revisione dei dati pubblicati in Letteratura e loro valore interpretativo

Stephan C. N.

Joint POW/MIA Accounting Command Central Identification Laboratory Hawaii, USA


PDF  


Le possibilità dei metodi di ricostruzione facciale sono idealmente valutati attraverso misurazioni empiriche, riducendo pertanto la soggettività e aumentandone la ripetibilità. Sebbene numerosi precedenti studi di accuratezza della ricostruzione facciale aspirino a questo obiettivo, tutti presentano delle significative limitazioni. In assenza di tests decisivi, conclusioni riguardanti l’accuratezza dei metodi devono essere tratte dall’evidenza collettiva. È tuttavia necessaria una differenziata collocazione del peso interpretativo delle singole metodiche d’indagine, in base ai loro vantaggi/svantaggi. Questo articolo fornisce una revisione dei protocolli di valutazione e i dati pubblicati in Letteratura al fine di giungere ad una valutazione complessiva delle proprietà del metodo. Frequentemente, si osserva che risultati che implicano l’accuratezza del metodo vengono prodotti con tecniche di valutazione meno eleganti e da piccoli gruppi di esperti/medici generici/periti (per esempio, studi di rassomiglianza). Inoltre, la scarsa produzione di esiti convincenti di approssimazione facciale ottenuti con tests più rigorosi (per esempio, relativamente più ampie matrici facciali campionate) suggerisce che l’accuratezza delle attuali tecniche di ricostruzione facciale non è eccezionale. Difetti recentemente identificati in specifici criteri di predizione della caratteristica facciale sottolineano i problemi metodologici come una causa primaria di scarsa performance del metodo. Queste osservazioni implicano delle discussioni circa la validità di: il termine di “ricostruzione facciale”; classificazione della ricostruzione facciale come una “scienza” – o in parte o del tutto; queste osservazioni inoltre fanno osservare che le osservazioni di scarso metodo sono “puntellate” dall’esperienza/abilità dei professionisti. In futuro, è chiaro che sono necessari tests empirici più rigorosi, comprendenti valutazioni della serie di facce più strettamente controllate, se la performance complessiva del metodo deve essere validata in maniera rigorosa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail