Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2008 Dicembre;128(4) > Minerva Medicolegale 2008 Dicembre;128(4):169-84

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4849

Online ISSN 1827-1677

 

Minerva Medicolegale 2008 Dicembre;128(4):169-84

 REVIEW

Riflessioni sulle rime irraggiate nei ferimenti cranici d’arma da fuoco. Parte prima

Iesurum A., Vercelli A., Invernizzi E., Montanari E.

Istituto di Medicina Legale Università di Bologna, Bologna, Italia

Gli autori prendono spunto da un caso di suicidio per ferita d’arma da fuoco alla testa e da altri due casi di trauma aperto del cranio da stesso mezzo, che saranno oggetto di un secondo elaborato, per soffermarsi su alcuni aspetti delle rime irraggiate. In particolare in questo primo caso pongono l’attenzione su due rime irraggiate da un forame d’entrata temporale destro in direzioni contrapposte. Una rima si dirige in basso avanti a destra, per flettersi, dopo un breve percorso, in fossa zigomatica omolaterale. L’altra rima, che si irradia dalla parte superiore dell’orifizio d’entrata, contorna l’occipite, si fa controlaterale dirigendosi in avanti per piegare anch’essa in basso sulla squama del temporale sinistro. Prima della flessione quest’ultima rima accoglie, sulla sua sponda inferiore, a livello del parietale sinistro e prossimalmente alla sutura lambdoidea, un difetto osseo d’uscita del proiettile. Gli autori prendono in considerazione i possibili fattori che incidono sulla forma del difetto d’egresso iscritto su una rima irradiata, ivi compreso anche un non omogeneo sollevamento delle doghe ossee; quindi ritengono che l’uscita del proiettile sulla sponda inferiore della rima irraggiata controlateralmente abbia condizionato sia il prolungamento di entrambe le rime fino a quel punto irradiate per il solo effetto del primitivo urto d’entrata, sia la loro variazione di direzione finale verso il basso. Tale cambiamento di direzione sarebbe derivato dall’urto del proiettile sulla teca cranica di sinistra, che avrebbe fatto spostare tutta la parte di calotta sottostante alla lesione ossea verso quel lato.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina