Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2007 December;127(4) > Minerva Medicolegale 2007 December;127(4):261-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2007 December;127(4):261-72

Copyright © 2007 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

Trucco semipermanente, danno cicatriziale e la “buona” perizia Estetista, chirurgo estetico, medico legale: competenze e responsabilità a confronto

Iorio M. 1, Navissano M. 2

1 Dipartimento di Anatomia Farmacologia, Medicina Legale Università degli Studi di Torino, Torino 2 Struttura Complessa di Chirurgia Plastica Generale Ospedale CTO, Torino


PDF  


Dopo aver delineato i caratteri del trattamento estetico definito “trucco semipermanente” e la normativa per l’esercizio legale della professione di estetista, vengono forniti i risultati dello studio di un campione di perizie e consulenze tecniche d’ufficio in tema di danno da errore professionale. Partendo dal dettato penalistico sull’esercizio abusivo di una professione per cui è richiesto titolo di legge abilitante, emergono le molte inesattezze trovate sui concetti giuridici di lesione, malattia e danno, nonché le imprecisioni medico legali relative al nesso di causa dimostrate dal perito specialista solo in chirurgia plastica ed estetica. È stato ritenuto opportuno definire i canoni per la compilazione corretta dell’elaborato peritale ed elencare i giudizi e le valutazioni da evitare.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail