Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2007 Giugno;127(2) > Minerva Medicolegale 2007 Giugno;127(2):51-4

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4849

Online ISSN 1827-1677

 

Minerva Medicolegale 2007 Giugno;127(2):51-4

 ARTICOLI ORIGINALI

Studio di 27 omicidi compiuti a danno di soggetti minorenni nella città di Torino

La Sala E., Viazzi F.

Unità di Medicina Legale - Area Criminalistica Ospedale Gradenigo, Torino

Riassunto
Obiettivo. Questo lavoro trae spunto da rilievi condotti in precedenza da altri Autori che hanno osservato, a livello statistico, dati autoptici relativi a eventi omicidiari. In questo caso, tuttavia, l’indagine è stata limitata esclusivamente alla valutazione dei dati relativi ai minori quali vittime del reato di omicidio.
Metodi. È stato preso in esame il periodo di tempo compreso tra il 1981 e il 2001. La documentazione necessaria ai fini dell’elaborazione statistica è stata desunta dagli archivi del Polo Medico-Legale del Dipartimento di Anatomia, Farmacologia e Medicina Legale dell’Università degli Studi di Torino. Dove possibile, la documentazione autoptica dei singoli casi è stata esaminata anche con l’ausilio di altro materiale proveniente da ulteriori fonti quali perizie, fotografie e dati concessi dalla Polizia Di Stato. Procedendo in tal modo sono stati identificati 27 casi di omicidio in tutto il periodo valutato. Di ciascuna vittima sono stati studiati il sesso, l’età, lo stato sociale e sono stati considerati anche studi, attività lavorative o eventuali attività illecite da questa praticate. Inoltre, dove possibile, sono state valutate le cause di morte, le modalità di esecuzione dell’omicidio e il movente. Al termine della ricerca i dati, così ottenuti, sono stati sottoposti a elaborazione statistica mediante l’utilizzo del programma SPSS.
Risultati. In totale, nel periodo preso in esame, tra i casi sottoposti ad autopsia, si è potuta osservare tra le vittime una prevalenza del sesso femminile con una percentuale del 55,6% contro il 44,4% del sesso maschile.
Conclusioni. Questo lavoro ha evidenziato una prevalenza delle vittime di sesso femminile, caucasiche, di nazionalità italiana, frequentanti ancora la scuola e, quindi, con un basso livello di occupazione.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina