Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2006 June;126(2) > Minerva Medicolegale 2006 June;126(2):191-206

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2006 June;126(2):191-206

Copyright © 2006 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

La diffusione in Italia delle nuove droghe

Zacà S. 1, La Sala E. 2, Blancato I. 3

1 S.C.D.U. Medicina Legale Ospedale Gradenigo, Torino
2 Istituto di Medicina Legale, Area Criminalistica Ospedale Gradenigo, Torino
3 Dipartimento di Scienze Cognitive Università degli Studi di Torino, Torino


PDF  


Riassunto
Nel corso degli ultimi anni si è parlato ampiamente della diffusione di nuove sostanze stupefacenti e dei relativi comportamenti criminosi connessi a tali nuove forme di abuso. Recentemente, infatti, in Italia, alla stregua degli Stati Uniti e di altri Paesi, si è assistito a un forte cambiamento nell’ambito delle sostanze d’abuso a seguito del diffondersi, accanto alle classiche sostanze stupefacenti, di quelle che oggi si è soliti definire come “nuove droghe”.
Preliminarmente, per una migliore descrizione e comprensione del problema, ai fini della trattazione, pare indispensabile definire le varie tipologie comprese nella categoria “nuove droghe”, soffermandosi sulle vicende storiche che le hanno caratterizzate nel corso degli anni. Successivamente di ciascuna di esse sono illustrate le principali caratteristiche con particolare riferimento ai relativi effetti fisici e psicologici. In ultima sede, sono illustrate le possibili correlazioni tra l’uso di tali sostanze e la commissione di reati.
Nell’immaginario dei consumatori queste nuove sostanze hanno acquisito velocemente valenze positive, in quanto in grado di consentire un rapido raggiungimento della felicità, annullando insicurezze e paure, senza esporre il consumatore a rischi da infezione e non presentando segni evidenti della loro assunzione nel consumatore. Il fine ricreazionale e i limiti temporali delle modalità di assunzione di tali sostanze fanno sì che i giovani spesso sottovalutino i gravi danni psichici e fisici legati a tali abusi e le conseguenti difficoltà di recupero. Come si noterà, tuttavia, scorrendo le pagine del presente elaborato, i pericoli legati alla diffusione di tali sostanze sono notevoli.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail