Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2006 March;126(1) > Minerva Medicolegale 2006 March;126(1):1-23

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2006 March;126(1):1-23

lingua: Italiano

Consenso informato e tradizione islamica. Confronto culturale e legislativo a fini medico-legali

Iorio M. 1, Bagatin M. 2

1 Dipartimento di Anatomia Farmacologia e Medicina Legale Università degli Studi di Torino, Torino
2 Dipartimento di Orientalistica Università degli Studi di Torino, Torino


PDF  


È un errore semplificare un delicato confronto fra culture ugualmente importanti affermando solo che il conflitto tra mondo arabo e Occidente nella seconda metà del XX secolo ha abbandonato l’ambito del confronto dialettico e ha imboccato lo stragismo terrorista per demolire il potere politico, economico, scientifico e tecnologico degli occidentali. La storia permette di separare i pregiudizi dalla verità e ha la forza di dimostrare che il dialogo di sempre possa e debba essere ripreso: lo sgomento dei mezzi efferati (attentati) e dei fini insensati (disfare la Storia) può essere attenuato superando il canone del panislamismo e l’utilitarismo della modernità economica europea e americana. Una società vincolata da prescrizioni fideistiche rimane arretrata e inconvertibile alla realtà sociale contemporanea, per carenza di razionalismo (Max Weber, Maxime Rodinson). Gli immigrati musulmani vivono in società molto secolarizzate e dovranno, se vogliono farne parte, accettare qualche adattamento. La tutela della salute rappresenta l’obiettivo cardine di qualsiasi forma di benessere: il presente lavoro è la prima tappa del percorso che gli Autori auspicano diventi il concreto risultato di un incontro fra uguali.
La scienza medica contemporanea è per la prima volta capace di guarire, ma cominciano a presentarsi fra medici e pazienti sentimenti di sospetto, delusione e rabbia: tra le cause si riscontra una formazione assente o fortemente in ritardo per le competenze relazionali e comunicative, che porta il medico a non capire la nuova realtà e a non adeguarsi. Per questo la ricerca inizia dal consenso in rapporto a storia, cultura, religione e medicina.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail