Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2005 Settembre;125(3) > Minerva Medicolegale 2005 Settembre;125(3):153-70

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2005 Settembre;125(3):153-70

lingua: Inglese

Two homosexual pedophile sadistic serial killers: Jrgen Bartsch (Germany, *1946 - Ý1976) and Luis Alfredo Garavito Cubillos (Colombia, *1957)

Benecke M., Rodriguez M., Zabeck A., Mätzler A.


PDF  ESTRATTI


Da un'analisi criminalista legale, sono stati descritti due casi di serial killer sadici omosessuali pedofili che presentano alcune caratteristiche in comune. I dati sono stati ottenuti: mediante a) un incontro con Luis Alfredo Garavito e con gli investigatori in Colombia nel luglio 2002 e b) dai dati ottenuti dai processi contro Jurgen Bartsch così come dalle lettere scritte da lui. Queste risorse non sono mai state usate in investigazioni scientifiche o pubblicazioni. Dal 1992 Luis Alfredo Garavito ha ucciso più di 200 bambini dagli 8 ai 13 anni (con una eccezione di 6 e di 16 anni). Il suo modus operandi è rimasto sempre simile. Bambini venivano rapiti, torturati, picchiati e uccisi con un taglio nella parte laterale del collo con la decapitazione. Durante gli omicidi Garavito era ubriaco. Durante le sue confessioni ha diretto gli investigatori con correttezza a tutti i luoghi dei crimini distribuiti sul territorio della Columbia. È formalmente possibile che Garavito venga rimesso in libertà nei prossimi 10-20 anni. Anche prima che siano trascorsi i 40 anni imposti dalla massima condanna. Nel 1996 il diciannovenne Jurgen Bartsch è stato arrestato dopo un tentativo senza successo di torturare, uccidere e smembrare un giovane ragazzo. Prima dal 1962 al 1966 Bartsch ha ucciso 4 ragazzi dagli 8 ai 12 anni. È stato valutato che fosse responsabile di ulteriori 100 tentati omicidi. Il metodo di uccisione era la percussione e lo strangolamento. Egli smembrava la maggior parte dei corpi, prelevava gli occhi, decapitava e rimuoveva i genitali. Ha anche tentato senza riuscirci di avere rapporti anali con le vittime. Il suo obiettivo era di torturare lentamente le vittime fino alla morte. Il suo desiderio per il dominio, controllo e gratificazione sessuale ma anche le sue strategie per evitare i procedimenti penali erano argomenti che Bartsch discuteva apertamente. Sotto l'influenza di consulti psichiatrici, la visione di Bartsch dei suoi genitori così come le valutazioni riguardo le sue memorie degli abusi sessuali da parte di un insegnante su di lui sono cambiate. In un ospedale psichiatrico Bartsch ha sposato una donna che gli aveva scritto delle lettere. Durante un intervento chirurgico volontario è deceduto per un errore nella procedura di anestesia.

inizio pagina