Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2002 Settembre;122(3) > Minerva Medicolegale 2002 Settembre;122(3): 115-20

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medicolegale 2002 Settembre;122(3): 115-20

lingua: Italiano

Gli stadi clinico-ecografici del danno articolare falangeo nell'artrite psoriasica e reumatoide

Iurassich S., Pedana M. A., Cioce F.


PDF  


Obiettivo. L'artrite psoriasica e reumatoide evidenziano danni ossei ed infiammatori che producono la limitazione funzionale delle dita e che sono registrati dall'indagine ecografica (US). La valutazione del danno è espressa in percentuale e dipende dalla soggettiva interpretazione dello specialista. Per tale motivo abbiamo confrontato i valori dei reperti US con quelli della valutazione percentuale e compilato un grafico interpretativo.
Metodi. Sono stati sottoposti allo studio 64 pazienti affetti alle articolazioni falangee da artrite psoriasica (26 casi) e da artrite reumatoide (38 casi). L'indagine US della cute e delle articolazioni falangee delle dita delle mani è stata eseguita con l'ecografo Sonora Logic 400 MD (GE, Milwaukee, USA) e sonde da 7,5 e 10 MHz. In ciascun paziente la limitazione funzionale delle dita delle mani è stata valutata con valori espressi in percentuale ed evidenziati all'esame obiettivo e con i valori US dei danni infiammatori ed ossei della cute e delle articolazioni falangee.
Risultati. I valori espressi in percentuale correlati con i valori US descrivono un grafico che permette di dividere la gravità della limitazione funzionale delle dita in 4 stadi clinico-ecografici.
Conclusioni. I segni US dei danni ossei ed infiammatori sono semplici da leggere nelle immagini e permettono di confermare la diagnosi e di valutare la terapia, mentre il grafico ed i 4 stadi clinico-ecografici possono aiutare lo specialista a quantizzare i danni ossei ed infiammatori.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail