Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2002 Giugno;122(2) > Minerva Medicolegale 2002 Giugno;122(2): 65-72

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale

Periodicità: Trimestrale

ISSN 0026-4849

Online ISSN 1827-1677

 

Minerva Medicolegale 2002 Giugno;122(2): 65-72

 REVIEW

La dispnea. Criteri clinici, valutazione medico-legale e nuova proposta

Barisone M.

La dispnea è un sintomo soggettivo rappresentato dalla sensazione di difficoltà respiratoria ed è facilmente influenzabile sia dall'aumento del lavoro respiratorio sia da fattori più propriamente individuali e psico-emozionali. Dal punto di vista eziopatogenetico si tratta di un sintomo legato a numerosi processi patologici polmonari, ma può essere anche indice di patologie cardiaca, metabolica, ematologica o di un disturbo psicologico. Pertanto, è necessario valutarla mediante l'indagine anamnestica, l'esame obiettivo, gli opportuni dati di laboratorio, le tecniche di imaging del torace, la spirometria, etc. Stante il suo carattere soggettivo, la dispnea non può essere rapportata solamente a misurazione dei parametri fisiologici, ma si possono utilizzare schemi di valutazione basati anche sulle comuni attività quotidiane.
Tra le scale e gli indici maggiormente utilizzati: il modello proposto dalla MRC, la VAS, il CRQ, il SGRQ, il BPQ ed il BDI. In tal modo, si può giungere ad una miglior valutazione dell'effettiva qualità di vita dei pazienti con patologie polmonari croniche, dal momento che i fattori psicologici e sociali giocano un ruolo fondamentale, potendo influenzare l'entità della dispnea a parità di patologia responsabile.
Mediando i parametri di funzionalità respiratoria, i dati di MRC e BDI e le prove da sforzo, è stata avanzata una nuova proposta.

lingua: Italiano


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina