Home > Riviste > Minerva Medicolegale > Fascicoli precedenti > Minerva Medicolegale 2001 Giugno;121(2) > Minerva Medicolegale 2001 Giugno;121(2): 77-98

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICOLEGALE

Rivista di Medicina Legale


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medicolegale 2001 Giugno;121(2): 77-98

lingua: Italiano

La cartella infermieristica. Aspetti giuridici e deontologici

Milano M. M., Valleris E., Iorio M.


PDF  


Ogni atto professionale fa riferimento a dei valori, utilizza delle conoscenze e si avvale di strumenti. La professione infermieristica si fonda in primo luogo sulla concezione di uomo e sulle sue relazioni con la salute: la loro strutturazione configura il particolare modo in cui si concepisce, e si legittima, il servizio reso dagli infermieri alla società.
La professionalità si esprime altresì nell'elaborazione di strumenti adeguati alle esigenze operative nei diversi contesti: l'agire infermieristico si fonda sulla relazione interpersonale e sulla comunicazione; dunque, strumento operativo essenziale è quello che permette la trasmissione delle informazioni ottenute dal dialogo, dall'osservazione e dall'esecuzione.
La cartella infermieristica ben risponde alle esigenze degli infermieri, consentendo loro di operare in conformità con i principi ed i riferimenti teorici che fondano la professione infermieristica, nel rispetto della volontà del malato. La sua esistenza è diventata di estrema attualità nel periodo più recente, in seguito all'evoluzione della normativa nazionale che sancisce per tutte le professioni, rinforzando gli obblighi espressi dai codici civile e penale, il rispetto della privacy e la tutela dei dati personali.
Sul piano etico l'informazione infermieristica è subordinata al rispetto del segreto professionale e rappresenta un dovere specifico dell'infermiere nell'ambito dell'educazione alla salute, della prevenzione, della cura e della riabilitazione. Gli aspetti etici della comunicazione e dell'informazione infermieristica, elementi fondanti la relazione interpersonale, fanno riferimento sia ai diritti del malato sia ai doveri del personale sanitario.
L'uso della cartella infermieristica, strumento della comunicazione tra professionisti e della gestione dell'informazione, è subordinato sempre e comunque al rispetto delle norme etiche e deontologiche che regolano i comportamenti del professionista. La cartella infermieristica assume inoltre valore alla luce dell'abolizione del mansionario, prima tappa della definizione dell'autonomia professionale degli infermieri, e si configura, quindi, come strumento di emancipazione per tutta la categoria.
Questo lavoro analizza la cartella infermieristica in relazione alla normativa più recente ed ai principi etici sui quali si fonda l'agire infermieristico.
Partendo da un'analisi dei presupposti storici, è stata indagata la realtà cittadina attuale e le percezioni degli infermieri in merito a questo strumento; scopo ultimo dell'indagine era definire delle linee guida che fossero un riferimento operativo per coloro che quotidianamente si confrontano con le esigenze degli utenti e le disposizioni delle Ammini-strazioni. Perché, fosse possibile è stato necessario prima mettere in relazione la cartella infermieristica con quegli ambiti delle professioni sanitarie che sono anche di interesse giuridico, quali il segreto professionale, il consenso informato, la tutela dei dati sensibili.
Vengono comunicati i risultati di una vasta indagine compiuta nelle strutture sanitarie e presso gli operatori sanitari della città.
Conclude il lavoro una articolata proposta di modello standard della cartella infermieristica.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail