Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2015 Febbraio;106(1) > Minerva Medica 2015 Febbraio;106(1):1-7

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2015 Febbraio;106(1):1-7

lingua: Italiano

Trattamento conservativo della radicolopatia cervicale con lidocaina cerotto 5%

Mattozzi I.

Dipartimento di Anestesia, Rianimazione e Terapia del Dolore, Incarico ad Alta Specializzazione per le Cure Palliative e Terapie Antalgiche, ASL Viterbo, Viterbo, Italia


PDF  


OBIETTIVO: La radicolopatia cervicale è una sindrome dolorosa mista, caratterizzata da dolore neuropatico, scheletrico e miofasciale. È una condizione di frequente riscontro nei paesi sviluppati e costituisce una importante fonte di disabilità e motivo di frequente consultazione medica. Presso il nostro Centro di Terapia del Dolore, la radicolopatia cervicale viene inizialmente trattata con cicli bi-settimanali di mesoterapia cui si associa, a distanza di almeno 15 giorni, la fisioterapia per la completa mobilizzazione del tratto cervicale. Trattandosi di un dolore neuropatico localizzato e conformemente a quanto suggerito dalle linee guida internazionali, abbiamo voluto verificare se il trattamento topico con lidocaina cerotto 5% costituisca un vantaggio per il paziente, in termini di miglioramento della gestione del dolore e riduzione del tempo necessario per l’inizio del trattamento di mobilizzazione cervicale.
METODI: È stato condotto uno studio retrospettivo su 60 pazienti, 30 dei quali trattati con mesoterapia e 30 trattati con lidocaina cerotto 5%. Dalle cartelle cliniche sono stati estrapolati i dati raccolti durante le sei visite di controllo di norma programmate presso la nostra struttura, per un totale di 30 giorni di osservazione. In particolare, oltre ai dati anamnestici sono stati considerati l’intensità del dolore, l’intensità dell’allodinia e l’area algica.
RISULTATI E CONCLUSIONI: Per tutti i parametri analizzati, entrambi i trattamenti sono risultati efficaci, ma i pazienti trattati con lidocaina cerotto 5% hanno mostrato un più veloce controllo della sintomatologia algica, condizione indispensabile per un anticipato inizio del trattamento riabilitativo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

i.mattozzi@yahoo.it