Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2013 Dicembre;104(6 Suppl 1) > Minerva Medica 2013 Dicembre;104(6 Suppl 1)1-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  PNEUMOLAB PROCEEDINGS


Minerva Medica 2013 Dicembre;104(6 Suppl 1)1-5

lingua: Inglese

Metodi di classificazione della BPCO e informativa sulla mortalità: evidenze contrastanti

Braido F. 1, Di Marco F. 2, Santus P. 3, Scichilone N. 4, Corsico A. G. 5, Solidoro P. 6

1 Allergy and Respiratory Diseases, Department of Internal Medicine (DIMI), Azienda Ospedaliera Universitaria IRCCS San Martino, Genoa, Italy;
2 Pneumology, San Paolo Hospital, Department of Health Science, University of Milan, Milan, Italy;
3 Rehabilitation Pneumology, Salvatore Maugeri Foundation, Istituto Scientifico di Milano-IRCCS, Milan, Italy;
4 DIBIMIS, University of Palermo, Palermo, Italy;
5 Unit of Pneumology, Fondazione IRCCS Policlinico San Matteo - DMM, University of Pavia, Pavia, Italy;
6 Unit of Pulmonology, Cardiovascular Thoracic Department, A.O. Città della Salute e della Scienza di Torino Turin, Italy


FULL TEXT  


Quanto il metodo di classificazione ABCD GOLD sia informativo rispetto alla classificazione spirometrica di gravità nel predire la mortalità del paziente con broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) è oggetto di dibattito. Sono stati recentemente pubblicati i risultati di uno studio di popolazione norvegese (HUNT2) che ha evidenziato l’inferiorità della classificazione ABCD nel predire la mortalità rispetto alla classificazione spirometrica. Questo risultato non è in linea con i risultati di altri studi che hanno dimostrato l’equivalenza delle due classificazioni. La nuova classificazione GOLD era apparsa un passo in avanti per comprendere i bisogni del paziente, ma appare chiaro che l’inserimento di variabili cliniche accanto al dato spirometrico possa non essere esaustiva nel descrivere tutti i fenomeni correlati ad una patologia eterogena come la BPCO. La pubblicazione dello studio HUNT offre l’occasione di analizzare come le evidenze siano state prodotte, quali speculazioni scientifiche propongano, quali considerazioni si possano trarre e quali ulteriori ricerche sarebbero opportune.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

fulvio.braido@unige.it