Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2013 Dicembre;104(6) > Minerva Medica 2013 Dicembre;104(6):639-48

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2013 Dicembre;104(6):639-48

lingua: Inglese

Valutazione dei rischi in pazienti con sindrome da anticorpi antifosfolipidi

Bertero M., Kuzenko A.

Clinical Immunology AO Ordine Mauriziano, Turin, Italy


PDF  


La sindrome da anticorpi antifosfolipidi (APS) è una malattia autoimmune sistemica caraterizzata dall’associazione di anticorpi antifosfolipidi (aPL) con trombosi e/o complicanze gravidiche. I criteri classificativi sono stati definiti e aggiornati durante il 13° Congresso Internazionale sugli aPL, di Sidney, 2005. La patogenesi delle complicanze vascolari e ostetriche mostra differenze: la trombosi si sviluppa come effetto combinato di un fattore scatenante su una condizione pro-coagulante (teoria del “second hit”). La patologia ostetrica sembra mediata da trombosi placentari e attivazione del complemento. I criteri di laboratorio includono l’anticoagulante lupico (LA), test funzionale, e gli anticorpi anticardiolipina (aCL) e anti-β2-glycoproteina I indagati con metodica immunoadsorbente su piastra solida. Il test per il LA ha raggiunto una discreta standardizzazione mentre sussistono variazioni importanti fra i diversi laboratori nella ricerca degli anticorpi in ELISA. I criteri classificativi per l’APS sono suscettibili di evoluzione e, poiché si riconoscono differenze nei meccanismi patogenetici di APS vascolare e ostetrica potrebbero essere ipotizzate variazioni anche nei criteri classificativi. Quale sia il peso effettivo degli aPL nel provocare la trombosi non è ancora chiaro. Avendo la trombosi genesi multifattoriale, si consiglia un approccio “stratificato” del singolo caso: decisioni quali un’eventuale profilassi primaria o l’intensità e la durata della prevenzione trombotica secondaria devono tenere conto del pannello degli aPL, di fattori cardiovascolari aggiuntivi e di malattie autoimmuni sistemiche associate. Attendiamo risposte per i numerosi quesiti irrisolti sulla APS, dal 14° Congresso Internazionle sugli aPL, che si terrà a Rio de Janeiro a settembre 2013.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

tbertero@mauriziano.it