Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2013 June;104(3) > Minerva Medica 2013 June;104(3):261-72

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  UROLOGIA ONCOLOGICA


Minerva Medica 2013 June;104(3):261-72

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Linfoadenectomia nel carcinoma a cellule renali e nel carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore: analisi delle evidenze nell’era della chirurgia mininvasiva

Geller R., Hemal S., Manny T.

Department of Urology, Wake Forest University School of Medicine, Winston-Salem, NC, USA


PDF  


Sebbene la dissezione linfonodale (lymphnode dissection, LND) offra la possibilità di stadiazione e un vantaggio terapeutico nel cancro della vescica, il ruolo della linfoadenectomia nel carcinoma a cellule renali (renal cell carcinoma, RCC) e nel carcinoma uroteliale del tratto urinario superiore (urothelial cancer of the upper urinary tract, UCUUT) resta ancora da definire. L’obiettivo di questo studio era considerare il ruolo stadiante e terapeutico della LND nei carcinomi RCC e UCUUT, con particolare riguardo all’applicabilità nei moderni approcci mininvasivi. È stata condotta una ricerca su Pubmed volta a identificare gli studi pubblicati dal 1 gennaio 2008 all’11 marzo 2013 sul ruolo della linfoadenectomia nel cancro del rene e del tratto urinario superiore. Sono state utilizzate le seguenti parole chiave: lymphadenectomy, lymphnode dissection, lymphnode excision, lymphatic metastasis, renal cancer, renal neoplasm, renal cell carcinoma, kidney cancer, kidney neoplasm, upper urinary tract, urothelial carcinoma, kidney pelvis, ureteral neoplasm, transitional cell, ureter, e upper tract urothelial neoplasm. Il ruolo stadiante della LND nei carcinomi RCC e UCUUT resta controverso, nonostante la metastasi linfonodale costituisca un importante fattore prognostico in entrambi i processi patologici. Non è ben dimostrato se la LND migliori la sopravvivenza nei carcinomi RCC e UCUUT. Non vi è consenso sul numero e sul template dei linfonodi. Gran parte della letteratura attuale è basata su studi relativi ad interventi chirurgici a cielo aperto. I pazienti con tumori di grado e stadio più elevati possono trarre il massimo vantaggio dalla LND. La LND può offrire sia la possibilità di stadiazione sia un vantaggio in termini di sopravvivenza in determinati pazienti sottoposti a intervento chirurgico per il trattamento di RCC o UTUUC. I pazienti con stadio clinico T2 o superiore, quelli con caratteristiche e sottotipi istologici aggressivi, e quelli che mostrano all’esame clinico linfonodi ingrossati dovrebbero essere sottoposti a LND. Dovrebbero essere utilizzati template LND semplici in base alla localizzazione del tumore, applicabili sia agli approcci in aperto che mininvasivi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

tmanny@wakehealth.edu