Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2013 June;104(3) > Minerva Medica 2013 June;104(3):237-59

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  UROLOGIA ONCOLOGICA


Minerva Medica 2013 June;104(3):237-59

Copyright © 2013 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gestione dei tumori renali localizzati e localmente avanzati. Un riesame contemporaneo delle attuali opzioni di trattamento

Brookman-May S. 1, Langenhuijsen J. F. 2, Volpe A. 3, Minervini A. 4, Joniau S. 5, Salagierski M. 6, Roscigno M. 7, Akdogan B. 8, Vandromme A. 9, Rodriguez-Faba O. 10, Marszalek M. 11

1 Department of Urology Ludwig‑Maximilians‑University CampusGrosshadern, Munich, Germany;
2 Department of Urology Radboud University Nijmegen Nijmegen, The Netherlands;
3 Department of Urology University of Eastern Piedmont Ospedale Maggiore della Carità, Novara, Italy;
4 Department of Urology University of Florence, Florence, Italy;
5 Department of Urology University Hospitals Leuven, Leuven, Belgium;
6 Department of Urology Medical University of Łódź, Łódź, Poland;
7 Department of Urology AO Papa Giovanni XXIII, Bergamo, Italy;
8 Department of Urology, Hacettepe University School of Medicine, Ankara, Turkey;
9 Department of Urology, Klinikum Braunschweig Braunschweig, Germany;
10 Uro‑oncology Unit, FundacioPuigvert Barcelona, Spain;
11 Department of Urology and Andrology Donauspital, Vienna, Austria;
12 Department of Urology Graz Medical University, Graz, Austria


PDF  


Circa il 70% dei pazienti con carcinoma renale presenta una patologia localizzata o localmente avanzata alla diagnosi primaria. Mentre tali pazienti sono potenzialmente curabili mediante il solo trattamento chirurgico, un ulteriore 20%-30% dei pazienti presenta una diagnosi di malattia metastatica primaria. Sebbene negli ultimi anni la cura medica dei pazienti metastatici sia quasi completamente passata dall’immunoterapia al trattamento efficace con agenti mirati, la malattia metastatica rappresenta ancora una patologia incurabile. Anche nei pazienti con malattia metastatica, il trattamento chirurgico del tumore primario svolge un ruolo importante, in quanto le complicanze locali correlate al tumore possono essere evitate o minimizzate attraverso l’intervento chirurgico. Inoltre, la chirurgia ha dimostrato anche il miglioramento della sopravvivenza globale dei pazienti metastatici, se abbinata al trattamento con citochina. Quindi, l’intervento chirurgico, abbinato alla cura sistemica come trattamento multi-modale, adiuvante e neo-adiuvante, è richiesto anche in pazienti con malattia avanzata o metastatica. Attualmente un numero crescente di pazienti anziani e comorbidi presenta una diagnosi di piccole masse renali e ciò ha comportato una maggiore attenzione per modalità alternative di trattamento ablativo, nonché per strategie di sorveglianza attiva, applicate in modo da evitare un inutile accanimento terapeutico su questi pazienti. Dal momento che il trattamento chirurgico potrebbe anche aumentare il rischio di malattia renale cronica con disturbi cardiaci consecutivi, nonché una riduzione della sopravvivenza globale, si applicano sempre di più tecniche di ablazione e di sorveglianza attiva. In questo articolo ci concentriamo sulle opzioni attuali di trattamento chirurgico e non chirurgico per la gestione dei pazienti con carcinoma renale localizzato, localmente avanzato e metastatico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

sabine.brookman-may@email.de