Ricerca avanzata

Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2013 Febbraio;104(1) > Minerva Medica 2013 Febbraio;104(1):23-30

FASCICOLI E ARTICOLI   I PIÙ LETTI   eTOC

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236

 

Minerva Medica 2013 Febbraio;104(1):23-30

CALCOLOSI RENALE: UN AGGIORNAMENTO 

Stress ossidativo: nefrolitiasi e malattie renali croniche

Khan S. R.

Department of Pathology, College of Medicine, University of Florida, Gainesville, FL, USA

L’associazione tra nefrolitiasi e molte malattie renali croniche suggerisce un legame causale comune. Esistono indicazioni in merito al fatto che la formazione di calcoli possa portare a ipertensione, diabete, malattie croniche e infarto miocardico. Sembra vero anche il contrario, nel senso che il diabete e l’ipertensione possano portare alla formazione di calcoli. La produzione di specie reattive dell’ossigeno (ROS) e lo sviluppo di stress ossidativo (OS) sono caratteristiche comuni di molte malattie renali e cardiovascolari, tra cui ipertensione, diabete, sindrome metabolica e nefrolitiasi. La mia ipotesi è che lo stress ossidativo prodotto da una malattia, in condizioni adatte, possa causarne un’altra. Ad esempio, lieve ipercalciuria, iperossaluria, ipocitraturia, che in condizioni normali potrebbero essere solo una casualità o un fastidio, possono favorire la cristallizzazione, quando le cellule vengono colpite da ROS, prodotte dalla condizione di comorbidità. D’altro canto, l’OS prodotto durante o come risultato di nefrolitiasi può favorire l’ipertensione o la nefropatia diabetica.

lingua: Inglese


FULL TEXT  ESTRATTI

inizio pagina