Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2012 Dicembre;103(6) > Minerva Medica 2012 Dicembre;103(6):525-31

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2012 Dicembre;103(6):525-31

lingua: Italiano

Il dolore da ulcera cutanea

Pellicano R. 1, Guerra L. 2

1 Department of Gastroenterology and Hepatology, Molinette Hospital, Turin, Italy;
2 Medical Service, Alfa Wassermann, Bologna, Italy


PDF  


Il dolore acuto o cronico associato alle ulcere cutanee o alla loro gestione (medicazione, debridement) è un tipico caso di dolore misto, sia neuropatico che nocicettivo. Esso rappresenta una condizione clinica invalidante che determina lo scadimento della qualità di vita dei pazienti. La terapia farmacologia deve essere basata sia sull’intensità che sul tipo di dolore. Benché i farmaci anti-infiammatori non steroidei (FANS) siano notoriamente efficaci sull’algia di tipo nocicettivo, hanno scarsa efficacia su quella di tipo neuropatico o misto. Inoltre, l’assunzione dei FANS è gravata da una serie di effetti collaterali che possono coinvolgere più organi. In aggiunta, in caso di dolore neuropatico, il beneficio dovuto all’impiego di un singolo principio attivo è relativo. Da ciò scaturisce la base razionale per il ricorso a farmaci di associazione. L’approccio con la combinazione paracetamolo/tramadolo rappresenta una soluzione innovativa nel trattamento sia della componente neuropatica che nocicettiva del dolore, perché i due principi attivi hanno un differente meccanismo d’azione, target multipli e una diversa farmacocinetica. Di grande interesse clinico è il fatto che il tramadolo è un agonista puro, non selettivo, dei recettori µ, δ, e κ e svolge un’importante azione di inibizione del reuptake di serotonina e noradrenalina. Questo doppio meccanismo, oppioide e non oppioide, spiega la sua efficacia analgesica anche sull’algia neuropatica. Inoltre, poiché la sua azione oppioide è debole, non induce gli effetti collaterali severi tipici degli oppioidi tradizionali. Il beneficio di tale associazione risulta quindi dal loro complementare profilo farmacocinetico, in quanto il primo ha un’insorgenza d’azione rapida, mentre tramadolo possiede un effetto più prolungato. Perciò, la combinazione consente di ottenere anche nel dolore da ulcera cutanea un effetto rapido e duraturo con un elevato profilo di tollerabilità.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

rinaldo_pellican@hotmail.com