Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2012 October;103(5) > Minerva Medica 2012 October;103(5):353-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

  MENOPAUSA: AGGIORNAMENTI


Minerva Medica 2012 October;103(5):353-9

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Prevenzione della demenza con ormoni sessuali: gli androgeni possono essere un’alternativa per migliorare la cognizione nelle donne in postmenopausa?

Hogervorst E.

SSEHS Loughborough University, Loughborough, UK


PDF  


Molte donne in perimenopausa e i loro medici non fanno più uso di estrogeni per il trattamento dei disturbi della menopausa. Questa mini-review ha studiato la possibilità di prescrivere androgeni alle donne per favorire le funzioni cognitive e prevenire la demenza. Utilizzando PubMed e Google Scholar, abbiamo identificato diversi studi di trattamento, ma la maggioranza aveva controlli insufficienti. Indicativamente, alcuni studi suggerivano che l’aggiunta di un testosterone al trattamento con estrogeni favorisse l’elaborazione delle informazioni complesse, rispetto al trattamento con soli estrogeni, ma la metodologia degli studi ne limitava conclusioni certe. Mentre uno studio più ampio non dimostrava alcun effetto nelle donne in menopausa naturale rispetto al placebo e alcuni studi comprendenti solamente donne ooforectomizzate hanno dimostrato gli effetti positivi del testosterone; tuttavia, questi studi erano stati condotti solo fino a due mesi. I profili di sicurezza a lungo termine del trattamento androgeno, la modalità e il tipo di trattamento richiedono ulteriori ricerche. I dati osservativi suggeriscono che, nelle donne più anziane, non selezionate per salute ottimale, il testosterone endogeno abbia un’associazione negativa con la memoria verbale, di solito una delle prime funzioni a deperire nella demenza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

e.hogervorst@lboro.ac.uk