Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2012 April;103(2) > Minerva Medica 2012 April;103(2):103-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2012 April;103(2):103-10

Copyright © 2012 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Incidenza di ipercalcemia, ipercalciuria e fattori correlati in pazienti trattate con paratormone ricombinante umano (1-84)

Luna-Cabrera F., Justicia-Rull E. A., Caricol-Pérez M. P., Soler-Vizán E., Mesa-López C. M., Ruiz-Ruiz M. A., De La Torre-López L. E.

Unit of Clinical Management of the Locomotor System and Rehabilitation, Service of of Physical Medicine and Rehabilitation,Infanta Margarita Hospital, Cabra, Córdoba, Spain


PDF  


Obiettivo. Obiettivo del presente articolo è stato quello di determinare l’incidenza di ipercalcemia e ipercalciuria (e fattori correlati) in 22 donne in postmenopausa affette da osteoporosi, trattate con PTH (1-84) nella pratica quotidiana.
Metodi. L’osteoporosi è stata definita come una frattura osteoporotica nell’anamnesi oppure un T-score minore di -3 DS sulla densitometria ossea. Le pazienti sono state trattate con 100 mcg/al giorno di PTH (1-84) per 12 mesi. Sono stati valutati i dati clinici e di laboratorio raccolti al baseline e dopo 6 mesi di trattamento.
Risultati. L’età media delle pazienti era di 71,9 anni. L’incidenza di ipercalcemia e ipercalciuria era pari a 6 eventi. Un aumento nei livelli di calcio sierico ha mostrato una correlazione statisticamente significativa con la calciuria delle 24 ore (rho [ρ]=0,83, P<0,001), la fosfatasi alcalina sierica (ρ=0,76, P=0,001), le proteine totali (ρ=0,77, P=0,005) e il β-CTx (ρ=0,82, P=0,002). D’altra parte, la calciuria delle 24 ore era correlata in maniera significativa con il β-CTx (ρ=0,83, P=0,002) la fosfatasi alcalina (ρ=0,73, P=0,005), le proteine totali (ρ=0,73, P=0,02), e il fosfato sierico (ρ=0,58, P=0,04). Confrontando i gruppi di pazienti con e senza ipercalcemia sono state rilevate differenze statisticamente significative negli aumenti dei valori di β-CTx e β-CTx al baseline, mentre i gruppi di pazienti con e senza ipercalciuria mostravano differenze significative negli aumenti di calcio sierico e nei valori basali del T score al collo del femore.
Conclusioni. L’incidenza di ipercalcemia e ipercalciuria dopo il trattamento con PTH (1-84) è simile a quella attesa, in accordo alle specifiche tecniche di prodotto. È stata rilevata una correlazione significativa tra aumenti di calcio sierico, calciuria, fosfatasi alcalina sierica e β-CTx dopo il trattamento con PTH (1-84). I valori basali di β-CTx erano significativamente più bassi nelle pazienti che avevano sviluppato ipercalcemia rispetto alle pazienti con livelli di calcio sierico nella norma.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

francisco.luna.cabrera.sspa@juntadeandalucia.es