Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2012 February;103(1) > Minerva Medica 2012 February;103(1):13-21

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2012 February;103(1):13-21

lingua: Inglese

Potenzialità immunomodulanti in vitro di una formulazione a base di estratti vegetali

Menghini L. 1, Leporini L. 1, Scanu N. 1, Pintore G. 2, Ferrante C. 1, Recinella L. 1, Orlando G. 1, Vacca M. 1, Brunetti L. 1

1 Department of Drug Science, University “G. D’Annunzio”, Chieti, Italy:
2 Department of Drug Science, University of Sassari, Sassari, Italy


PDF  


Obiettivo. Scopo del presente studio era la valutazione degli effetti di fitocomplessi di uncaria, shiitake e ribes sulla vitalità e sulle risposte di linee cellulari implicate nella funzionalità del sistema immunitario.
Metodi. Gli estratti, titolati e standardizzati, sono stati testati su cellule PBMC, U937 e macrofagi, e gli effetti confrontati con una formulazione commerciale a base degli stessi estratti. Sono state valutati parametri quali la vitalità cellulare (test MTT), lo stress ossidativo (ROS e PGE2) e la modulazione della risposta immunitaria (RT-PCR per IL-6, IL-8 e TNFα).
Risultati. Nel saggio dell’MTT, gli estratti sono risultati essere ben tollerati dalle cellule, con variazioni significative della vitalità riscontrate solo a dosaggi elevati (>250 µg/ml). La miscela di estratti non risulta interferire con la proliferazione cellulare, neanche ai dosaggi più elevati (500 µg/ml). Un pretrattamento dei macrofagi con dosi subtossiche di estratti riduce i livelli basali e aumenta la resistenza cellulare agli stress ossidanti, come confermato dalla riduzione del rilascio di ROS e PGE2 rispetto al gruppo non trattato. Sugli stessi macrofagi la miscela di estratti è risultata un modulatore selettivo della risposta immunitaria, come confermato dall’incremento dell’mRNA che codifica per IL-6 ed in parte di IL-8 e dalla contestuale riduzione del TNFα.
Conclusioni. I dati ottenuti confermano le potenzialità degli estratti testati e della formulazione nella regolazione del sistema immunitario con il coinvolgimento di meccanismi di controllo dello stress ossidante e di riduzione del rilascio di fattori proinfiammatori quali TNF

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

lmenghini@unich.it