Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2011 December;102(6) > Minerva Medica 2011 December;102(6):469-74

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2011 December;102(6):469-74

lingua: Inglese

Il polimetilmetacrilato potenzia la risposta anticorpale nei pazienti in emodialisi cronica non responder alla vaccinazione per l’epatite B: dati preliminari

Duranti E., Duranti D.

Nephrology and Dialisis Unit, Sansepolcro Hospital, Arezzo, Italy


FULL TEXT  


Obiettivo. La maggior parte dei pazienti uremici cronici sottoposti a dialisi mostrano una diminuita risposta anticorpale alla vaccinazione anti-epatite B (anti-HBV) e a questo proposito gli elevati livelli sierici di sCD40 sembrano inibire la risposta immunocompetente. Una semplice e fattibile metodica per la rimozione dell’sCD40 solubile mediante assorbimento su membrana è la bicarbonato-dialisi standard eseguita con dializzatori in polimetilmetacrilato (PMMA), in grado di rimuovere le tossine nel siero ad alto peso molecolare. Scopo dello studio è stato valutare se i PMMA dializzatori possano migliorare la risposta a lungo termine per la vaccinazione anti-HBV nei pazienti uremici cronici in dialisi non-responder (NR).
Metodi. Lo studio ha coinvolto cinque pazienti uremici cronici (età media 65 anni) in emodialisi trisettimanale da 42,4±15,8 mesi. Erano stati precedentemente definiti NR alla vaccinazione anti-HBV per i loro titoli anticorpali bassi (<10 UI/l), nonostante un ciclo completo di vaccinazione precedente, utilizzando i protocolli raccomandati per i pazienti in dialisi. Dopo un periodo di tre mesi di trattamento con dializzatori PMMA, mantenendo immodificati tutti i parametri di efficienza dialitica (la superficie del filtro di 2,1 m2, KT/V, tempo di dialisi, QB) rispetto ai precedenti trattamenti, tutti i pazienti hanno ricevuto una nuova dose di richiamo di vaccino Fendrix (20 µg). I marcatori dell’epatite B sono stati controllati al mese 1, 3, 12 e 18 dopo la somministrazione della dose di richiamo e dopo il ritorno alle membrane utilizzate in precedenza.
Risultati. Tre di cinque pazienti hanno mostrato una forte risposta anticorpale (1000 IU/l) che è durata nel tempo in modo efficace anche dopo 18 mesi, nonostante la sospensione del PMMA.
Conclusione. I nostri risultati preliminari confermano che le membrane in PMMA migliorano la risposta immunitaria anti-HBV nei pazienti in trattamento emodialitico cronico non responder.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

enniodil@libero.it