Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2011 December;102(6) > Minerva Medica 2011 December;102(6):441-59

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

  MORBO DI PARKINSON E DISORDINI DEL MOVIMENTO


Minerva Medica 2011 December;102(6):441-59

Copyright © 2011 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Deterioramento cognitivo lieve nel morbo di Parkinson

Goldman J. G. 1, Litvan I. 2

1 Section of Parkinson Disease and Movement Disorders, Department of Neurological Sciences, Rush University, Chicago, IL, USA; 2 Movement Disorder Program, Neuroscience Department, University of California, San Diego, CA, USA


PDF  


Nonostante il morbo di Parkinson (Parkinson’s disease, PD) sia stato tradizionalmente definito grazie alle sue peculiari caratteristiche motorie, i tratti non-motori come il deterioramento cognitivo e la demenza sono sempre più considerati parte della malattia. Il deterioramento cognitivo lieve (mild cognitive impairment, MCI) è comune in pazienti affetti da PD in stato non demenziale, con un’occorrenza nel 20-50% dei casi. Le stime della frequenza e le caratteristiche cliniche del deterioramento cognitivo lieve nel PD (PD-MCI) differiscono tuttavia tra gli studi a causa delle differenze di metodo e della mancanza di criteri diagnostici uniformi per il PD-MCI. Nel complesso, i pazienti con PD-MCI mostrano deficit non-amnestici in ambiti cognitivi come la funzione esecutiva, l’attenzione e la funzione visuo-spaziale. Il fenotipo cognitivo del PD-MCI è tuttavia eterogeneo, con alcuni pazienti che presentano deficit amnestici più accentuati. I pazienti con PD-MCI, soprattutto quelli con profili corticali posteriori, potrebbero essere a più alto rischio per lo sviluppo della demenza. Diversi biomarcatori studiati nel PD-MCI, come il fluido cefalorachidiano, le analisi genetiche e le tecniche di neurovisualizzazione suggeriscono che potrebbero sussistere diversi profili PD-MCI. Al fine di comprendere il PD-MCI come stato di transizione tra la normale facoltà cognitiva e la demenza, è necessario intraprendere studi che utilizzino criteri diagnostici PD-MCI uniformi e che includano biomarcatori e follow-up longitudinali di coorti PD-MCI.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

jennifer_g_goldman@rush.edu