Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2011 Giugno;102(3) > Minerva Medica 2011 Giugno;102(3):239-47

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  SVILUPPI NEL PACING CLINICO 2011


Minerva Medica 2011 Giugno;102(3):239-47

lingua: Inglese

Sport e aritmia

Giada F. 1, Conte R. 2, Pescatore V. 1, Brugin E. 1

1 Operative Unit of Sports Medicine, PF Calvi Hospital, Noale, Venice, Italy;
2 Medicina dello Sport Asl 12 Veneziana, Mestre, Venice, Italy


PDF  


I disordini del ritmo rappresentano la principale difficoltà per il cardiologo e il medico dello sport nel concedere agli atleti il certificato di idoneità. Le aritmie che si riscontrano nell’atleta possono distinguersi in due tipi. Le più comuni sono in genere espressione delle modificazioni morfofunzionali del cuore d’atleta e sono rappresentate da alcune forme di bradiaritmie e tachiaritmie non complesse. Per contro è possibile riscontrare meno frequentemente aritmie più complesse che possono essere epifenomeno di cardiomiopatie in grado di provocare la morte improvvisa durante l’attività sportiva. A partire da un dettagliata raccolta di dati anamnestici, da un attento esame obiettivo e in particolare dall’esecuzione dell’elettrocardiogramma a 12 derivazioni è già possibile orientarsi sul rischio aritmico nella popolazione sportiva. Dopo un’analisi sui principali tipi di aritmie riscontrabili nell’atleta e sulle principali metodiche diagnostiche, questo studio si sofferma sulle forme di influenza reciproca tra aritmie, cardiopatie aritmogene e l’attività sportiva. Sicuramente l’aumentato tono adrenergico e le modificazioni anatomofunzionali correlate allo sport favoriscono lo sviluppo di rischio aritmico e di morte improvvisa in cardiomiopatie strutturali. Invece non è ancora risolto il dubbio se l’attività sportiva è in grado di incrementare l’incidenza di aritmie ventricolari in un cuore normale. Il rischio aritmico è variabile a seconda se lo sport è praticato a livello intenso o meno. Importante è anche valutare eventuali sincopi in ambienti a pericolosi. Le aritmie a rischio prevedono l’esclusione dell’atleta dalla pratica della attività sportiva. In alcuni casi si può considerare un trattamento farmacologico, ablativo e in rari e selezionati casi l’impianto di un pacemaker o di un defibrillatore impiantabile.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

francogiada@hotmail.com