Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2011 Giugno;102(3) > Minerva Medica 2011 Giugno;102(3):187-207

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  SVILUPPI NEL PACING CLINICO 2011


Minerva Medica 2011 Giugno;102(3):187-207

lingua: Inglese

Fibrillazione atriale: epidemiologia, prognosi e terapia

Rutzen-Lopez H,, VKhanna V., Reynolds M. R.

Beth Israel Deaconess Medical Center, VA Boston Healthcare System, Boston, MA, USA


PDF  


La fibrillazione atriale è la più comune tachiaritmia cardiaca incontrata nella pratica clinica, che colpisce 1% della popolazione. È caratterizzata da attivazione atriale non coordinata che può portare a complicanze emboliche e a riduzione della gettata cardiaca con conseguente significativa morbidità, mortalità e riduzione della qualità della vita. I tre obiettivi principali nel trattamento della fibrillazione atriale sono il controllo della frequenza, la prevenzione del tromboembolismo e la correzione del disturbo del ritmo. Questo articolo passerà in rassegna l’orientamento attuale riguardo alle strategie volte al conseguimento di ognuno di questi obiettivi fondamentali per il trattamento della AF, ponendo l’accento sui nuovi farmaci quali il dabigatran e il dronedarone e sulle terapie non-farmacologiche emergenti, come l’ablazione con catetere e l’esclusione dell’appendice atriale sinistra. Dopo molti anni in cui si sono emersi pochi trattamenti nuovi, gli ultimi anni hanno visto una serie di interessanti sviluppi che potrebbero accrescere la capacità clinica nel migliorare la situazione dei pazienti con condizione cronica e fastidiosa.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

mreynold@bidmc.harvard.edu