Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2011 February;102(1) > Minerva Medica 2011 February;102(1):41-58

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  OSTEOARTRITE - PARTE I


Minerva Medica 2011 February;102(1):41-58

lingua: Inglese

Trattamento dell’osteoartrite post-traumatica

Mouzopoulos G., Kanakaris N. K., Mokawem M., Kontakis G., Giannoudis P. V.

Academic Department of Trauma and Orthopedics , Leeds NIHR Biomedical Research Unit, Leeds Institute of Molecular Medicine, Leeds UK


PDF  


L’artrite post-traumatica colpisce principalmente i più giovani, ai quali impone una forzata riduzione dell’attività fisica, dolore cronico, e trattamenti sintomatici prolungati. Il trattamento dell’artrite post-traumatica conseguente a fratture, lussazioni o rotture di legamenti continua ad essere una delle questioni cliniche più problematiche in chirurgia ortopedica e traumatologica. Le terapie per i sintomi iniziali comprendono farmaci antinfiammatori, analgesici e iniezioni intra-articolari di corticosteroidi o acido ialuronico; queste, tuttavia, offrono solo un temporaneo sollievo dal dolore e difficilmente si accompagnano a benefici a medio o lungo termine. Per il trattamento dell’artrite post-traumatica sono disponibili molte opzioni chirurgiche. Allo stadio iniziale, deve essere considerato uno sbrigliamento artroscopico. Negli stadi più avanzati, per i pazienti giovani sono fortemente raccomandate osteotomie correttive o artrodesi. Nei pazienti in età avanzata, le artroplastiche restano il trattamento di prima scelta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

pgiannoudi@aol.com