Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2010 October;101(5) > Minerva Medica 2010 October;101(5):305-10

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

ARTICOLI ORIGINALI  


Minerva Medica 2010 October;101(5):305-10

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Valutazione dello stress ossidativo e nitrosativo nei pazienti in emodialisi

Namiduru E. S. 1, Tarakçiogğlu M. 1, Tıryakı Ö. 2, Usalan C. 2

1 Department of Biochemistry, Faculty of Medicine, University of Gaziantep Gaziantep, Turkey; 2 Department of Nephrology, Faculty of Medicine, University of Gaziantep Gaziantep, Turkey


PDF  


Scopo. Lo stress ossidativo e nitrosativo è stato da tempo dimostrato nei pazienti in emodialisi. È associato con numerose complicazioni come l’aterosclerosi e disturbi cardiovascolari correlati. In ogni caso, i fattori influenzanti lo stato ossidativo e nitrosativo non è stato estensivamente caratterizzato in questi pazienti, quindi il presente studio è stato concepito per indagare sulle alterazioni dei parametri dello stess ossidativo e da nitrossidi e sullo status antiossidante totale.
Metodi. Sono stati arruolati in questo studio quarantuno pazienti in emodialisi ed altrettanti soggetti sani. Sono stati esaminati i livelli di mieloperossidasi e nitrotirosina sieriche e la capacità antiossidante totale.
Risultati. I livelli di mieloperossidasi e nitrotirosina si sono mostrati significativamente più alti nei pazienti in emodialisi rispetto i controlli sani (P<0.05) mentre la capacità antiossidante totale si è dimostrata inferiore (P<0.01).
Conclusioni. Secondo i risultati di questo studio, lo stress ossidativo e nitrosativo è aumentato nei pazienti in emodialisi, quindi queste alterazioni dovrebbero essere prese in considerazione nel trattamento di questi pazienti.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

enamiduru@gmail.com