Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2010 April;101(2) > Minerva Medica 2010 April;101(2):115-9

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

REVIEW  FORUM SUL DIABETE


Minerva Medica 2010 April;101(2):115-9

Copyright © 2010 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Infezione da Helicobacter pylori e diabete

Ojetti V., Pellicano R., Fagoonee S., Migneco A., Berrutti M., Gasbarrini A.

1 Department of Internal Medicine, Catholic University, Rome, Italy; 2 Unit of Gastro-Hepatology, San Giovanni Battista (Molinette), Hospital, Turin, Italy; 3 Department of Biology, Biochemistry and Genetics and Molecular Biotechnology Center, University of Turin, Italy; 4 Division of Gastroenterology, Gradenigo Hospital, Turin, Italy


PDF  


Il batterio Helicobacter pylori (H.pylori), principale agente causale delle malattie gastroduodenali, é stato implicato in diversi aspetti di molte manifestazioni extragastriche. Benché gli attuali dati disponibili non forniscano prove del ruolo del microrganismo nella maggior parte di queste, una potenziale correlazione non può essere esclusa. Nella presente revisione della letteratura, la consistenza di un potenziale ruolo dell’infezione da H. pylori nella patogenesi del diabete mellito (DM), così come nelle anormalità gastriche dei diabetici è analizzata e discussa criticamente. Diverse controversie sorgono per quanto riguarda i dati epidemiologici. La conseguenza clinica dell’infezione da H.pylori, in termini di controllo del metabolismo glucidico, sembra essere bassa. Riguardo gli studi di intervento, il tasso di eradicazione batterica é significativamente inferiore negli adulti con DM confrontati con i controlli. La differenze tra adulti e bambini potrebbero essere dovute al minor impiego di antibiotici nei secondi con sviluppo inferiore di ceppi resistenti. Infine, è stato dimostrato un maggior tasso di re-infezione nei pazienti con DM rispetto alla popolazione di controllo.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

agasbarrini@rm.unicatt.it