Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2009 December;100(6) > Minerva Medica 2009 December;100(6):459-65

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  MALATTIE VIRALI


Minerva Medica 2009 December;100(6):459-65

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Il trattamento dell’epatite C cronica

Bihl F. 1, Negro F. 1,2

1 Divisions of Gastroenterology and Hepatology, Geneva, Switzerland
2 Clinical Pathology, University Hospital, Geneva, Switzerland


PDF  


Negli ultimi anni, il trattamento dell’epatite cronica C ha subito dei cambiamenti importanti, consentendo di ottenere tassi di risposta più elevati che in passato. Il trattamento combinato a base di interferone-a peghilato e ribavirina viene adattato sulla base della risposta durante il trattamento stesso. Con questo approccio basato sulla risposta, il tasso globale di risposta virologica ottenuta è di circa 55%. Numerosi nuovi antivirali sono attualmente in corso di sperimentazione e saranno disponibili sul mercato in un prossimo futuro. Questi comprendono molecole che agiscono direttamente sul complesso replicativo del virus dell’epatite C (hepatitis C virus, HCV), come gli inibitori della proteasi virale, ed altre che si legano a cofattori cellulari della replicazione virale, con conseguente inibizione indiretta dell’HCV (come gli inibitori della ciclofilina e la nitazossanide). L’avvento di tali farmaci migliorerà ulteriormente i tassi di risposta e faciliterà la guarigione permanente dell’epatite cronica C.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

Francesco.Negro@hcuge.ch