Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2009 Ottobre;100(5): > Minerva Medica 2009 Ottobre;100(5):401-13

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

  I TUMORI DELL’OVAIO


Minerva Medica 2009 Ottobre;100(5):401-13

lingua: Inglese

Crioconservazione del tessuto ovarico: una visione di insieme

Donnez J., Dolmans M.-M.

Department of Gynecology, Catholic University of Louvain, Brussels, Belgium


PDF  


I progressi nella diagnosi e nel trattamento del cancro durante l’infanzia, l’adolescenza e l’età adulta hanno significativamente aumentato l’aspettativa di vita delle donne, nel periodo precedente alla menopausa, malate di tumore. Le ovaie sono molto sensibili ai trattamenti citotossici, specialmente agli agenti alchilanti. L’unico metodo accertato per la preservazione della fertilità è la crioconservazione degli embrioni secondo le direttive del comitato etico dell’American Society for Reproductive Medicine (2005), ma questa possibilità necessita che il paziente sia in età puberale, che abbia un partner o che usi un donatore di sperma e che sia in grado di sopportare un ciclo di stimolazione ovarica, cosa non possibile se la chemioterapia va iniziata immediatamente o se la stimolazione è controindicata sulla base della tipologia di tumore. Per i pazienti che necessitano di chemioterapia immediata, la crioconservazione del tessuto ovarico è l’unica alternativa possibile. Questo lavoro illustra le tecniche ed i risultati del trapianto ortotopico del tessuto ovarico criocoservato. Tra quasi 30 casi riportati nella letteratura sono state identificate sette nascite di individui nati vivi.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

jacques.donnez@uclouvain.be