Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2009 October;100(5): > Minerva Medica 2009 October;100(5):385-400

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

Immunopatogenesi del cancro ovarico  I TUMORI DELL’OVAIO


Minerva Medica 2009 October;100(5):385-400

lingua: Inglese

Immunopatogenesi del cancro ovarico

Torres M. P. 1, Ponnusamy M. P. 1, Lakshmanan I. 1, Batra S. K. 1,2

1 Department of Biochemistry and Molecular Biology, University of Nebraska Medical Center, Omaha, NE, USA
2 Eppley Institute for Research in Cancer and Allied Diseases,, University of Nebraska Medical Center Omaha, NE, USA


PDF  


Il cancro ovarico, che risulta essere il cancro ginecologico più aggressivo, è la principale causa di morte da tumore maligno ginecologico nel mondo industrializzato. Più del 90% dei tumori ovarici derivano dall’epitelio superficiale, tali tumori vengono classificati come cancri ovarici epiteliali (epithelial ovarian cancer, EOC). Gli EOC possono essere categorizzati come sierosi, mucinosi o endometrioidi, a cellule chiare e con tipologie cellulari transitorie. La patologia molecolare dei carcinomi ovarici è eterogenea e coinvolge oltre che molteplici vie di sviluppo anche diverse lesioni che fungono da precursori putativi. Per di più, sotto un altro aspetto, l’insufficienza delle difese immunitarie all’interno dell’ambiente tumorale ovarico amplifica la progressione del tumore nell’ospite. Verranno discussi in dettaglio la presenza di linfociti T regolatori, l’inibizione della risposta citotossica dei natural killer, l’accumulo di cellule mieloidi soppressori nel tumore, l’insufficienza del signaling dell’interferone, la secrezione di citochine che favoriscono la crescita tumorale (es. IL-6, IL-10, CSF-1, TGF-b, TNF), e l’espressione di molecule di superficie (es. HLA-G, B7-H1, B7-H4, CD40, CD80) che hanno un ruolo nell’immunosoppressione. Lo scopo di questa revisione è stato fornire un quadro d’insieme delle evidenze a sostegno del ruolo dell’immunodeficienza nella progressione del cancro ovarico e le indicazioni future per le terapie a riguardo. Verranno anche discusse le alterazioni genetiche di alcuni sottotipi di cancro ovarico.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail

sbatra@unmc.edu.