Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2009 August;100(4): > Minerva Medica 2009 August;100(4):275-92

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

  GERIATRIA


Minerva Medica 2009 August;100(4):275-92

Copyright © 2009 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

La sincope neuro-mediata

Can I. 1, 2, Cytron J. 1, 2, Jhanjee R. 1, 2, Nguyen J. 1, 2, Benditt D. G. 1, 2

1 Department of Medicine, Cardiovascular Division, Cardiac Arrhythmia Center, University of Minnesota Medical School Minneapolis, MN, USA 2 Loyola University Stritch School of Medicine, Maywood, IL, USA


PDF  


La sincope è una sindrome caratterizzata da una relativamente improvvisa e temporanea perdita di coscienza che di risolve da sola; svariate possono esserne le cause, ma hanno tutte in comune la temporanea insufficienza del flusso sanguigno al cervello, di solito dovuta a una forte riduzione della pressione arteriosa sistemica. Sebbene la sincope sia un problema comune, è l’unica spiegazione per gli episodi transienti della perdita di coscienza (transient loss of consciousness, TLOC). Di conseguenza, la valutazione diagnostica dovrebbe partire da una serie di considerazioni sulle TLOC reali o apparentemente tali. Tra quei pazienti nei quali la TLOC si ritiene sia dovuta a “reale sincope”, l’obbiettivo può ragionevolmente dirigersi verso la valutazione delle varie possibili cause; a questo riguardo, le sindromi da sincope neuro-mediata sono state riscontrate essere tra le più frequenti. Ci sono tre possibili varianti: la sincope vasovagale (spesso indicata come il comune svenimento), la sindrome del seno carotideo, e il così detto “svenimento provocato dalla situazione”. Definire se la causa sia dovuta al riflesso neuro-mediato dipende molto dalla approfondita conoscenza della storia clinica e da test selezionati (es. tilt test, massaggio carotideo). Questi passaggi sono importanti. Malgrado gli svenimenti da sincope neuro-mediata siano di solito relativamente benigni dal punto di vista della mortalità, oltre che spesso isolati e non frequenti, tale sincope tende a ricomparire e il danno fisico, provocato dalle cadute o dagli incidenti, diminuisce la qualità della vita. Inoltre, è realmente preoccupante il fatto che ci possano essere limitazioni sul lavoro o nell’assegnazione dello stesso. Di conseguenza è cruciale definire la forma specifica della patologia e sviluppare una strategia di trattamento efficace. In ogni caso, l’obbiettivo dovrebbe essere determinare la causa della sincope con sufficiente affidabilità per fornire al paziente e ai membri familiari una concreta valutazione della prognosi, del rischio di ricorrenza degli eventi e delle opzioni terapeutiche.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail