Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2008 June;99(3) > Minerva Medica 2008 June;99(3):341-5

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

CASI CLINICI  


Minerva Medica 2008 June;99(3):341-5

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Inglese

Gonfiore della gamba destra quale presentazione metastatica del carcinoma a cellule di Merkel

Noto R. 1, Giaquinta A. 1, Alessandria I. 1, Soma P. 2, Latteri S. 3, Grasso G. 4, Fraggetta F. 4

1 Istituto di Medicina Interna Università degli Studi di Catania Azienda Ospedaliera Cannizzaro, Catania, Italia 2 Unità Operativa Clinicizzata di Chirurgia Plastica Azienda Ospedaliera Cannizzaro, Catania, Italia 3 Divisione Clinicizzata di Chirurgia d’Urgenza e Pronto Soccorso Azienda Ospedaliera Cannizzaro, Catania, Italia 4 Unità Operativa di Anatomia Patologica Azienda Ospedaliera Cannizzaro, Catania, Italia


PDF  


Il carcinoma a cellule di Merkel (Merkel cell carcinoma, MCC) è un raro tumore maligno cutaneo neuroendocrino con comportamento aggressivo e frequente metastatizzazione ai linfonodi regionali e a distanza. Esso compare principalmente in pazienti anziani e le localizzazioni più comuni sono rappresentate dalla cute del capo, del collo e delle estremità. Tipicamente, il tumore primitivo si presenta sotto forma di un nodulo rossastro a rapido accrescimento, indolore, con un effetto simil-iceberg, visto che si approfonda nei tessuti sottostanti. Sebbene la patogenesi del MCC resti in gran parte sconosciuta, è probabile che le radiazioni ultraviolette e l’immunosoppressione giochino un ruolo significativo. Gli Autori descrivono un caso insolito di MCC presentatosi clinicamente con un linfedema della gamba destra dovuto ad una metastasi ai linfonodi inguinali. Sebbene siano state eseguite diverse indagini, gli Autori non sono stati in grado di identificare il tumore cutaneo primitivo. Gli Autori esaminano l’eziopatogenesi e le ipotesi relative a questo raro tumore e descrivono la diagnosi clinica differenziale. Essi suggeriscono che gli aspetti clinici, assieme ai risultati della diagnostica per immagini e ai risultati delle indagini immuno-istochimiche e agli aspetti morfologici, siano importanti per una diagnosi corretta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail