Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2008 June;99(3) > Minerva Medica 2008 June;99(3):289-306

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,878


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2008 June;99(3):289-306

Copyright © 2008 EDIZIONI MINERVA MEDICA

lingua: Italiano

I prodotti terminali della glicazione e lipossidazione avanzata quali amplificatori dell’infiammazione. Il ruolo dell’alimentazione

Orlando G. 1, Bengmark S. 2

1 Unità di Trapianto dei reni, Ospedale San Salvatore, L’Aquila, Italia 2 Istituto di Epatologia Dipartimento di Epatologia e Chirurgia Università di Londra, Londra, Regno Unito


PDF  


È sempre più frequentemente dimostrato che uno stile di vita poco sano si associa in maniera negativa con le malattie croniche (MC). L’infiammazione che si riscontra in tutte le malattie croniche è associata a un aumento dell’ossidazione, a sua volta associato all’insorgenza della sindrome metabolica e a un elevato deposito nei tessuti dei così detti prodotti finali della glicazione e della lipossidazione avanzata (advanced glycation and lipoxidation end-products, AGE/ALE). Tutti i pazienti affetti da MC, inclusi quelli che soffrono di malattie genetiche o di malattie con eziologia non nota, possono trarre beneficio dai controlli che si effettuano per stimare i valori degli AGE. È probabile, ma non ancora provato, che il controllo dell’apporto e della produzione cellulare di AGE/ALE sia molto importante per mantenersi in salute, e potrebbe migliorare l’outcome delle malattie. Elevati indici di infiammazione si riscontratano in pazienti con complicazioni quali infezioni, traumi, terapie chirurgiche e mediche avanzate come per esempio i trapianti. Fra gli anziani, soprattutto se affetti da MC, si riscontra, in genere, una più elevata incidenza di complicazioni. Sono molto numerosi i dati secondo i quali lo stile di vita dei pazienti e il grado di infiammazione influenzano in maniera significativa l’outcome della malattia. Le nuove conoscenze relative al legame tra la sindrome simbolica e l’aumento di depositi di AGE/ALE suggeriscono che i futuri tentativi per ridurre l’accumulo di tali sostanze potrebbero ridurre drasticamente la morbilità acuta e quella cronica. La ricerca in questo campo è, però, ancora agli inizi e si devono sicuramente effettuare ancora molti studi per approfondirne la conoscenza.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail