Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2008 Aprile;99(2) > Minerva Medica 2008 Aprile;99(2):105-18

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

SCLEROSI MULTIPLA  


Minerva Medica 2008 Aprile;99(2):105-18

lingua: Inglese

Ruolo delle citochine della famiglia p40 nella sclerosi multipla

Brahmachari S., Pahan K.

Department of Neurological Sciences Rush University Medical Center, Chicago, IL, USA


PDF  


Nell’ultimo ventennio di ricerca neuro-immunologica, un sempre maggiore interesse si è riscontrato nei confronti delle citochine della famiglia p40, grazie ai molteplici ruoli svolti da queste molecole nell’immunomodulazione e nell’infiammazione. IL-12, la citochina più ampliamente studiata di questa famiglia, è ben caratterizzata per la sua attività di Th1-favorente e svolge pertanto un ruolo chiave nella fisiopatologia delle malattie autoimmuni Th1-mediate come la sclerosi multipla (SM). D’altra parte, IL-23, un altro membro della famiglia p40 con subunità p40 condivisa, che guida la polarizzazione dei linfociti Th17, una sottopopolazione di cellule T sospettate di svolgere un ruolo chiave nella fisiopatologia della SM e dell’encefalomielite allergica sperimentale (EAS), costituisce una sfida alle attuali conoscenze sull’ipotesi Th1/Th2 nelle malattie autoimmuni. Tuttavia, le questioni più complesse con le quali i ricercatori si confrontano riguardano i ruoli biologici di altri due membri di questa famiglia: il monomero p40 e l’omodimero p402. La predominanza trascrizionale (mRNA) della p40 sulla p35 nel sistema nervoso centrale nella EAS e nella SM suggerisce un possibile coinvolgimento della p40 nella patogenesi della SM. Tuttavia, i ruoli biologici svolti dalla forma monomerica e dimerica di p40 non sono ancora chiaramente compresi. Inizialmente, si pensava che p402 non avesse alcuna attività biologica e che agisse esclusivamente come un antagonista di IL-12 bioattiva. Tuttavia, secondo recenti evidenze, sembra che p402 e p40 abbiano un ruolo pro-infiammatorio e potrebbero quindi essere molecole cruciali nella patogenesi della SM. La presente review è dedicata alla funzione biologica delle citochine della famiglia di p40, con una particolare enfasi sulla SM.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail