Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 Dicembre;98(6) > Minerva Medica 2007 Dicembre;98(6):759-67

ULTIMO FASCICOLOMINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2007 Dicembre;98(6):759-67

lingua: Inglese

Diagnosi di gotta

Schlesinger N.

Division of Rheumatology Department of Medicine UMDNJ-Robert Wood Johnson Medical School One Robert Wood Johnson Pl. New Brunswick, NJ, USA


PDF  ESTRATTI


L’artrite acuta gottosa si presenta tipicamente con la rapida comparsa di dolore articolare severo, gonfiore e dolorabilità che raggiungono l’acme nel giro di 6-12 ore, tipicamente con eritema al di sopra dell’articolazione interessata. La sede classica è la prima articolazione metatarso-falangea. Il gold standard per la diagnosi di gotta è rappresentato dalla dimostrazione della presenza di cristalli di urato monosodico nel liquido articolare o nel tofo. Tuttavia, molti medici non eseguono l’analisi del liquido sinoviale. In assenza della dimostrazione diretta dei cristalli di urato monosodico nel liquido sinoviale o in un tofo, sono utili criteri clinici, radiologici e di laboratorio. In questo articolo gli autori presentano una rassegna dei vari criteri classificativi, delle presentazioni cliniche e degli studi laboratoristici e radiologici necessari per porre diagnosi di gotta.

inizio pagina