Home > Riviste > Minerva Medica > Fascicoli precedenti > Minerva Medica 2007 December;98(6) > Minerva Medica 2007 December;98(6):759-67

ULTIMO FASCICOLO
 

ARTICLE TOOLS

Estratti

MINERVA MEDICA

Rivista di Medicina Interna


Indexed/Abstracted in: Current Contents/Clinical Medicine, EMBASE, PubMed/MEDLINE, Science Citation Index Expanded (SciSearch), Scopus
Impact Factor 1,236


eTOC

 

REVIEW  


Minerva Medica 2007 December;98(6):759-67

lingua: Inglese

Diagnosi di gotta

Schlesinger N.

Division of Rheumatology Department of Medicine UMDNJ-Robert Wood Johnson Medical School One Robert Wood Johnson Pl. New Brunswick, NJ, USA


PDF  


L’artrite acuta gottosa si presenta tipicamente con la rapida comparsa di dolore articolare severo, gonfiore e dolorabilità che raggiungono l’acme nel giro di 6-12 ore, tipicamente con eritema al di sopra dell’articolazione interessata. La sede classica è la prima articolazione metatarso-falangea. Il gold standard per la diagnosi di gotta è rappresentato dalla dimostrazione della presenza di cristalli di urato monosodico nel liquido articolare o nel tofo. Tuttavia, molti medici non eseguono l’analisi del liquido sinoviale. In assenza della dimostrazione diretta dei cristalli di urato monosodico nel liquido sinoviale o in un tofo, sono utili criteri clinici, radiologici e di laboratorio. In questo articolo gli autori presentano una rassegna dei vari criteri classificativi, delle presentazioni cliniche e degli studi laboratoristici e radiologici necessari per porre diagnosi di gotta.

inizio pagina

Publication History

Per citare questo articolo

Corresponding author e-mail